Tag

sedie imbottite

Browsing

Tra gli infiniti modelli di sedie che propone il mondo del design, quelle in pelle sono sicuramente le più ricercate: non si tratta di un trend, ma di un successo che dura da decenni. Le sedie in pelle dal design moderno sono un must, anche perché danno carattere a ogni tipologia d’ambiente: ad esempio, si adattano perfettamente al contesto domestico così come a quello professionale. E abbinarle non è difficile: appagano l’estetica sia accostate a complementi d’arredo classici, sia in abbinamento a elementi ultra moderni.

Sedie in pelle: guida alla scelta

La pelle e il cuoio sono materiali senza tempo, sempre assolutamente attuali, eleganti e versatili. Perfetti per impreziosire il living, la camera da letto, una sala lettura, qualche angolo particolare della propria abitazione, oppure un ufficio. La scelta tra cuoio e pelle spetta fondamentalmente al gusto personale: l’unico aspetto da tenere in conto è che la pelle, essendo più morbida, si presta meglio alla realizzazione delle sedute. Mentre il cuoio, evidentemente più duro, è più utilizzato per gli schienali. Entrambi i materiali, invecchiando, si ammorbidiscono e acquistano una colorazione e una texture piacevole, che rende le sedie in pelle moderne un elemento di design senza tempo. Naturalmente, serve un po’ di attenzione: pelle e cuoio vanno puliti e trattati con appositi prodotti e spesso la presenza di animali domestici e bambini piccoli ne mette a rischio la durevolezza.

In termini di stile, il gusto soggettivo è la discriminante ma esistono regole generali: se si cerca una sedia in pelle perché sia protagonista assoluta della stanza, meglio optare per un modello dal design originale, moderno, futurista. Oppure, proprio per distinguerla dal resto dei mobili, si può scegliere una sedia dal sapore vintage, che darà un tocco retrò all’ambiente.

Sedie in pelle moderne: interior design in purezza

Può sembrare un aspetto marginale ma stabilire, fin da subito, dove sarà posizionata la sedia aiuta a scegliere il modello, lo stile e il materiale più adatto. La funzione determina la scelta: se sarà parte dell’arredo del living, insieme a divani e poltrone, dovrà avere uno stile e un colore omogeneo col resto del layout. Se invece, la sedia andrà a occupare un angolo preciso della casa, magari accanto a un tavolino per sorseggiare un tè o leggere un libro, dovrà essere comoda, accogliente e con una spiccata personalità in termini estetici. Un esempio eloquente in questo senso è la sedia Bontempi Drop. Sedia con struttura in legno massello e in acciaio laccato con gambe a sezione conica, a traliccio e girevole. Scocca imbottita e rivestita in pelle ecologica, pelle ecologica Premium, velluto tecnico, tessuto Mambo, tessuto Lulù, Waterproof Nabuk, Waterproof Nabuk stampato, Pure Virgin Wool, Velluto,  tessuto Kvadrat Filed, tessuto Kvadrat coda e Pelle Premium.

Bontempi: Sedia Drop
Drop, la sedia da salotto firmato Bontempi Casa

Le sedie in pelle moderne spesso sono imbottite: si tratta di modelli contraddistinti dalla presenza di una struttura in legno o in metallo. Tra queste spicca la sedia Chantal firmata Bontempi Casa. Originali e d’effetto sono anche le sedie in pelle con il telaio in acciaio cromato, che presentano la conformazione a slitta al posto delle classiche quattro gambe.

Chi deve scegliere sedie in pelle per la cucina, deve verificare che l’altezza totale non superi i 90 cm, perché in cucina i movimenti sono più rapidi e frequenti e uno schienale alto diventerebbe un ostacolo fastidioso. Saranno da evitare inoltre sedie con braccioli e sedie troppo pesanti.
In termini di stile, le combinazioni sono molteplici a partire da queste macro categorie:

Sedia in pelle moderna. Stile contemporaneo, senza fronzoli, linee geometriche, colori decisi. Perfetta per leggere, guardare la tv, ricevere gli ospiti.

Sedia in pelle di design. Funge da comoda seduta, ma si fa notare anche e soprattutto come pezzo da arredamento. Non è necessario aggiungere altri accessori o complementi d’arredo: è già un’opera che attrae lo sguardo di chi entra nella stanza.

Sedia in pelle in stile scandinavo. Lo stile scandinavo negli ultimi anni ha avuto un grande boom, grazie alla qualità dei materiali e alla sensazione di benessere che trasmettono. Una sedia ispirata allo stile nordico è adatta a qualsiasi ambiente, basta scegliere il colore che si abbina meglio agli altri arredi.

Sedia in pelle e metallo. Un altro grande classico, che appartiene di diritto alla storia del design: la sedia in pelle e metallo caratterizza immediatamente un salotto con grande personalità.

Bontempi: Sedia Chantal
Chantal, la sedia da salotto firmato Bontempi Casa

In condizioni normali, l’Italia è tra gli ultimi in Europa per diffusione dello smart working, cioè il lavoro “agile” svolto a distanza. Per capacità di fare di necessità virtù, invece, il nostro Paese ha ben pochi rivali, ed ecco che le misure messe in atto per contrastare la diffusione del Coronavirus stanno trasformando tantissimi italiani in smart worker. Questa modalità di lavoro può essere vantaggiosa sia per le aziende che per i lavoratori, e c’è chi ritiene che continuerà ad essere applicata in varie forme e modalità anche una volta superata l’emergenza sanitaria. Imparare ad adattarci al meglio a questa situazione mentre dobbiamo restare a casa, quindi, potrebbe rivelarsi una carta vincente anche per il futuro.

Quando si lavora da casa anziché recarsi in ufficio, si crea una nuova routine in cui cambiano i tempi e gli spazi, oltre al modo di relazionarsi con i colleghi. È consigliabile stabilire degli orari e dare alle giornate uno schema simile a quello a cui si è abituati. Si risparmia il tempo solitamente trascorso nel traffico o in treno per raggiungere l’ufficio, per cui ora è possibile dedicarlo al ménage famigliare oppure a una sessione di yoga o fitness, ma poi è importante darsi un orario per iniziare (e per concludere) l’attività lavorativa. Stabilite anche il tempo da dedicare alla “pausa pranzo” e programmate delle brevi pause approssimativamente ogni due ore: vi aiuterà a trovare l’equilibrio tra lavoro e vita domestica.

Un’altra cosa importante prima di iniziare: non restate tutto il giorno in pigiama! Indossate qualcosa di comodo, che vi faccia sentire a vostro agio ma anche professionali. Può sembrare un dettaglio di poco conto, ma è invece uno dei modi più semplici per favorire concentrazione e produttività. Anche perché, stando in pigiama, è maggiore il rischio che scatti il pisolino post-pranzo…

Smart working
Scrittoio Zac con struttura in acciaio laccato, piano e cassetti in legno. Sedia Mila con struttura in acciaio, seduta e schienale imbottiti e rivestiti. Lampada da terra Strega con struttura laccata e paralume in tessuto.

Per quanto riguarda la gestione degli spazi, è importante allestire una postazione di lavoro ben organizzata. Se disponete di uno scrittoio o di un tavolo consolle siete già a buon punto, ma anche un tavolo spazioso andrà benissimo. Sgomberate il campo dagli oggetti che non vi servono (e che potrebbero rappresentare una distrazione) e trovate posto per tutto ciò che occorre per svolgere le vostre attività: il computer, l’agenda, i documenti da consultare, un bloc-notes o dei fogli per prendere appunti. Se avete una bella foto scattata con i vostri colleghi durante una festa aziendale o un momento divertente vissuto insieme, potrebbe essere carino stamparla e tenerla in vista per continuare a sentirvi uniti come team seppur distanti.

Sedia Nata e scrittoio Zac
Sedia Nata imbottita e rivestita con bordino a contrasto e gambe in acciaio a vista. Scrittoio Zac con struttura in acciaio laccato, piano e cassetti in legno.

Capitolo sedia: dovrete passarci molte ore delle vostre giornate, per cui è importante scegliere sedie eleganti ma anche confortevoli. I modelli con un’imbottitura morbida ma in grado di sostenere la schiena sono senza dubbio l’opzione ideale; potreste puntare su poltroncine da camera se avete creato la vostra postazione intorno allo scrittoio nella zona notte, oppure su poltroncine di design colorate se vi trovate in soggiorno.

Scaffali e librerie sono lo sfondo ideale per le videocall
Mensole Osaka in cristallo curvato.

Considerate poi che le videochiamate saranno una parte importante delle vostre comunicazioni con colleghi, clienti e fornitori. Oltre a curare il vostro aspetto, per dare un’immagine più professionale fate attenzione anche a ciò che appare alle vostre spalle nell’inquadratura. Una libreria o degli scaffali ben organizzati, con libri e oggetti disposti in maniera ordinata, oppure una parete con dei bei quadri, sono ottimi biglietti da visita.

Ricordate che questo periodo di smart working forzato passerà, ma imparare a lavorare bene anche da casa potrebbe tornarvi utile in futuro!