Per avvicinarsi al mondo delle lampade a sospensione, bisogna partire facendo una distinzione: spesso infatti si tende a confondere le lampade a sospensione coi lampadari. Si tratta invece di due categorie distinte, pur all’interno dello stesso settore: l’illuminazione. Le lampade hanno una sola cosa in comune coi lampadari: sono anch’esse appese al soffitto, ma a differenza dei lampadari difficilmente sono usate come luce principale. Le lampade a sospensione di solito sono accostate a lampade da terra. E sovente presentano paralumi di design.
Il lampadario invece ha come scopo principale quello di illuminare l’ambiente, decorando il soffitto. Si distingue dalle lampade soprattutto per la sua capacità di fornire un’illuminazione completa. Altra differenza: una volta installato, è raro rimuoverlo per via della pesantezza e delle poco agevoli manovre di disinstallazione che richiede.

Lampade a sospensione: come scegliere quella giusta

Le tendenze dell’arredamento negli ultimi anni hanno mostrato la crescita rilevante nella produzione di lampade a sospensione, che incontrano sempre più il gusto di ampie fasce di target. Spesso, si tratta di lampade in materiali naturali e semplici, quali legno, tessuto e vetro. Particolarmente ricercate sono le lampade a sospensione dal design minimale, senza eccessivi decori.
Prima di scegliere una lampada a sospensione, è importante studiare lo spazio a disposizione e quantificare l’effetto di luce che si vuole creare. Dopo questa prioritaria scrematura, si valuta il design in termini puramente estetici, optando per il modello che meglio si sposa col resto dell’ambiente. In tal senso, spicca per originalità del disegno e qualità della realizzazione, il modello Spark di Bontempi Casa. Si tratta di una lampada composta da una a sei sospensioni con rosone, struttura in ottone naturale e vetro borosilicato e lampada a sospensione per composizioni a grappolo – da abbinare al rosone multiplo da ordinare separatamente – con struttura e decentratore in ottone naturale e vetro borosilicato.

Spark: lampada Bontempi Casa
Spark: la lampada firmata Bontempi casa

Lampade a sospensione moderne per arredare la cucina

La versatilità di questo tipo di complemento d’arredo è testimoniata dall’utilizzo diversificato che se ne può fare: se inizialmente le lampade a sospensione erano indicate specialmente per saloni e zone living, ora sono diventate un must per le cucine, specialmente quelle d’ispirazione moderna. Molto spesso si tratta di modelli in vetro: le lampade da cucina a sospensione in vetro permettono di giocare con opacità e trasparenze. Quelle in plastica invece consentono di avere molta luminosità e possono avere forme tradizionali, come le sfere. Esistono anche modelli in legno, carta, pietra naturale, alluminio, gomma e sempre più utilizzato è oggi il tessuto. La cucina è un luogo che accoglie, che ospita che mette insieme le persone, va quindi ben illuminato. E le lampade a sospensione danno la possibilità di creare un cono di luce ad hoc dove si preferisce: sul tavolo, sul piano lavoro, su piano cottura.
Esistono lampade a sospensione per la cucina in vario stile:
Sospensioni per cucina in stile classico: un modello che non passa mai di moda, può essere in stile liberty con vetri uniti e decori floreali, oppure vintage, con linee morbide, privo di decori.
Sospensioni per cucina in stile rustico o industriale: un modello con la campana in ferro o acciaio, scura all’esterno e chiara all’interno.
Sospensione moderna per la cucina: un modello che sperimenta forme particolari, ma soprattutto in materiali come plastica traforata, acciaio piegato o vetro.

Tutto quello che c’è da sapere sulle lampade a sospensione di design

Le lampade a sospensione di design spesso propongono una struttura in metallo, dallo stile industriale. È una scelta ben precisa: il forte impatto visivo si declina in molteplici tipologie e finiture, ne definisce lo stile e rende le lampade in metallo facilmente adattabili ad ambienti moderni come a quelli classici. Un modello esemplare di lampada a sospensione di design firmata Bontempi è Pandora, con rosone e corpo laccati nelle varie finiture disponibili.
Molte lampade di design a sospensione risultano perfette per illuminare il piano di lavoro dell’ufficio ed – essendo in gran parte orientabili – permettono di fare luce d’accento su specifici oggetti o porzioni di spazio.
Da segnalare infine il tema del risparmio energetico: la maggior parte delle lampade a sospensione di design sono abbinate a lampadine led. Da ciò, nasce la possibilità di ottenere un sensibile passo avanti nella lotta agli sprechi: i led usano infatti il 90% di energia in meno rispetto alle tradizionali lampade a incandescenza.

Pandora: lampada Bontempi Casa
Pandora: la lampada firmata Bontempi casa

Comments are closed.