Autore

Editorial Team

Browsing

Un nuovo anno è appena iniziato, e la luce del mattino in queste giornate che si stanno pian piano allungando sembra invitarci ad accoglierlo con ottimismo e voglia di fare.

Un raggio di sole filtra attraverso le persiane e accarezza il viso di Adele che, un attimo prima che suoni la sveglia, apre gli occhi e si gode gli ultimi momenti di riposo prima di alzarsi dal letto. Professoressa di lettere in pensione, ha amato molto il suo lavoro e ha sempre coltivato una smisurata passione per i romanzi d’avventura e le storie di viaggi, ma anche per l’arte e il bello in generale. Chi fa visita a casa sua lo capisce subito: basta guardare la libreria nel soggiorno, dal design originale e moderno, con i ripiani in acciaio laccato carichi di libri ben ordinati a cui si alternano vasi, cornici e altri oggetti collezionati negli anni.

Nella stanza accanto, si sta svegliando suo figlio Alessandro. Come lei, possiede una certa vena creativa e un grande amore per le parole. Già da ragazzino scriveva storie e racconti fantasiosi con cui intratteneva gli amici e ora, finita l’università, ha iniziato a lavorare come giornalista per un quotidiano locale. Il trillo della sveglia lo fa sobbalzare: stava sognando di attraversare un bosco alla ricerca di un magico tesoro, facendosi largo tra i rami di alberi rigogliosi. Abbandonato il mondo dei sogni, fa un bel respiro ed è pronto a iniziare la giornata. Prima tappa la cucina, dove prepara un buon caffè, yogurt e frutta fresca per colazione.

Sgabello Clara girevole
Sgabello girevole Clara con base cromata e scocca completamente imbottita e rivestita in pelle ecologica.

Adele raccoglie la vestaglia appoggiata alla sedia accanto al letto e raggiunge Alessandro in cucina. “Se c’è un lato positivo in questi nuovi ritmi di vita – pensa tra sé e sé – è poter fare colazione con calma, insieme”. Seduti sugli sgabelli intorno alla penisola, si lasciano cullare dal morbido schienale imbottito chiacchierando del più e del meno. In quel momento tutto per loro, si raccontano pensieri e programmi per la giornata, si scambiano consigli e qualche battuta. “Oggi ho una consegna importante, speriamo vada bene” dice il ragazzo, facendo girare la seduta a destra e sinistra come quando era piccolo per stemperare l’emozione. “Ma certo che andrà bene, ci hai lavorato tanto” lo rassicura la madre.

Sedia Dada con braccioli
Sedia Dada con braccioli e struttura in acciaio laccato, scocca imbottita e rivestita in pelle premium. Tavolo allungabile Cruz con struttura in acciaio laccato e piano in SuperCeramica. Madia Pica in legno laccato.

Sempre piena di vita e di interessi, Adele ha trovato mille modi per riempire le sue giornate. Una passeggiata nel parco per osservare la bellezza della natura, i mercatini dell’antiquariato dove trovare nuove idee per la sua casa, o semplicemente una tazza di te con le amiche. E poi, è sempre felice di tornare a casa per dedicarsi alla pittura, una passione per cui non aveva mai trovato abbastanza tempo prima d’ora. Lo studio che una volta era dedicato al lavoro ora è uno spazio creativo, con un nuovo tavolo dal piano in SuperCeramica – “così non temo di macchiarlo!” – e una graziosa sedia rivestita in color mattone, le cui forme morbide e accoglienti le hanno trasmesso buonumore fin dal primo sguardo. Seduta lì tra tempere e pennelli, lascia fluire l’ispirazione e mentre dipinge riesce finalmente ad ascoltare i suoi pensieri.

Smart working
Scrittoio Zac con struttura in acciaio laccato, piano e cassetti in legno. Sedia Mila con struttura in acciaio, seduta e schienale imbottiti e rivestiti. Lampada da terra Strega con struttura laccata e paralume in tessuto.

Per Alessandro, invece, sarà una giornata di lavoro… senza uscire di casa. Ormai si è abituato allo smart working, ed ha allestito una postazione ben organizzata per scrivere e portare avanti la sua attività. Lo scrittoio con il pc portatile, l’agenda e qualche libro da cui prendere ispirazione, una bella foto e la finestra da cui si vede il giardino sono diventati il suo nuovo ufficio. Certo un po’ gli mancano le chiacchiere alla macchinetta del caffè con i colleghi, ma come si sta comodi sulla sedia imbottita che ha scelto! “È valsa proprio la pena di comprarla nuova” pensa ogni sera quando spegne il computer.

Sedie Dada con braccioli e struttura in acciaio laccato, scocca imbottita e rivestita in tessuto Mambo. Tavolo Delta rotondo con struttura e dettagli decorativi in acciaio laccato, piano in cristallo antigraffio opaco.

Se per pranzo spesso preferisce mangiare qualcosa al volo senza staccarsi troppo dallo schermo, a fine giornata Alessandro non rinuncia a sedersi a tavola con mamma Adele e i suoi manicaretti. È il momento per tirare le somme e rilassarsi un po’ insieme. “Avevi ragione, sai, mamma? L’articolo è piaciuto pure al direttore del giornale!”.

Seguendo il nostro costante desiderio di rinnovamento, nel corso dell’anno appena concluso abbiamo lanciato diversi nuovi prodotti con la Bontempi Casa Living Collection 2021 – che abbiamo avuto il piacere di presentare anche durante il SuperSalone di Milano. Ma le novità non sono ancora finite…

La ricerca sui materiali è da sempre un punto centrale nell’attività di Bontempi Casa, e nel corso degli anni sono state messe a punto soluzioni innovative per garantire l’originalità e la qualità dei nostri design. Tra queste c’è il SuperMarmo, un materiale innovativo e unico nel suo genere, che combina le caratteristiche straordinarie del marmo e le trasforma in qualcosa di moderno e funzionale, senza perdere la sua inconfondibile allure. Nasce infatti dal geniale accostamento di vetro e gres porcellanato, a cui si aggiunge una perfetta stampa marmorea che riprende la lucentezza e le striature naturali della pietra più preziosa del mondo décor. Si ottiene così un materiale solido e pressoché indistruttibile, resistente agli urti e all’usura del tempo, con una palette cromatica che può evolversi seguendo il gusto e le tendenze dell’arredo moderno. Le prime novità 2022 nel mondo Bontempi Casa sono proprio due nuove finiture per il SuperMarmo.

Il SuperMarmo in versione Etoile Gold

Elegante e preziosa, questa nuova finitura racchiude in sé tutta la nobiltà dei due materiali – il marmo e l’oro giallo – per dare vita a tavoli eleganti che illuminano l’ambiente. Striature luccicanti danzano su un fondo bianco la cui purezza esalta il gioco di contrasti che riproduce l’effetto della pietra naturale.

Tavolo Artistico in SuperMarmo
Tavolo Artistico con struttura in acciaio laccato e piano a botte in SuperMarmo. Sedie Dada con braccioli e struttura in acciaio laccato, scocca imbottita e rivestita in tessuto.

Un tavolo iconico del catalogo Bontempi Casa come Artistico trova nella finitura Etoile Gold nuovo slancio e diventa ancor più protagonista della zona living. Perfetto come tavolo da pranzo ma anche come mobile di rappresentanza per un ambiente contract, si dimostra sofisticato ed elegante. Gli accostamenti ideali sono quelli con una palette di colori tenui e tendenzialmente freddi, dal grigio all’azzurro acquamarina. Qualche tocco dorato nei complementi, dalle lampade ai coffee table, rafforza l’effetto luminoso di questa nuova finitura.

Il SuperMarmo in versione Choco

Una finitura calda e avvolgente, che abbraccia con le sue sfumature le tonalità golose del cioccolato. Nei suoi giochi di chiaroscuro si rivedono i colori naturali della terra, dai più profondi a quelli lievi del beige e del crema, che si intersecano riproducendo le striature autentiche del marmo.

Tavolo Barone in SuperMarmo
Tavolo rotondo fisso Barone con struttura in acciaio laccato e piano in SuperMarmo. Sedia Penelope con struttura in acciaio laccato, imbottita e rivestita in velluto.

Il tavolo Barone con il suo piano rotondo in SuperMarmo esalta la morbidezza di questa nuova finitura, dando vita ad un complemento d’arredo ideale per la sala da pranzo o per spazi dedicati al relax e alla convivialità, da vivere sempre con un tocco di raffinatezza. Si sposa particolarmente bene ad ambienti in cui è stato posato un parquet, magari a spina di pesce, per creare un connubio tra materiali che richiamano il mondo naturale e creare un’atmosfera particolarmente accogliente. La palette cromatica per l’arredamento, poi, sarà quella dei colori caldi, dall’arancione al terracotta passando per tocchi di rosso e marrone, in cui includere anche il bianco per un effetto più pacato e distensivo.

Le nuove finiture Etoile Gold e Choco possono essere declinate su di un’ampia gamma di tavoli, coffee table e complementi d’arredo in SuperMarmo nel catalogo Bontempi Casa, da scoprire utilizzando il configuratore online.

Il giorno di Natale è passato, e il primo Pranzo organizzato nella loro nuova casa è stato apprezzato da tutta la famiglia. Ora, Andrea e Alice hanno proprio intenzione di ritagliarsi qualche momento di relax tutto per loro prima di partire per la montagna con gli amici. Il programma per le prossime giornate? Qualche passeggiata nel parco, nuove ricette da provare ora che c’è più tempo per dedicarsi alla cucina, e lunghe chiacchierate sul divano. Accoccolati tra i cuscini, si lasciano andare ai ricordi ma anche ad immaginare il futuro: una lunga serie di feste di Natale organizzate in quella casa, i viaggi che hanno sempre sognato, lo spazio per lo smart working e quello per metter su famiglia…

Andrea e Alice
Tavolino Planet con struttura e dettagli decorativi in Acciaio laccato, piani in SuperMarmo.

La passione di Caterina per i film di Natale è iniziata prestissimo, e non le è mai passata. Ogni anno, i primi giorni di dicembre segnano l’inizio della sua “maratona” davanti allo schermo, che prosegue fino all’Epifania. Ora che sulle piattaforme di streaming la scelta è sempre più ampia, poi, si diverte anche a consigliare il film più adatto a ognuno dei suoi amici. Ma la cosa che ama di più è invitare a casa sua sorella Laura per rivedere i film della loro infanzia e tornare un po’ bambine insieme, sedute sul divano dividendosi la coperta di flanella proprio come quando erano piccole e sognavano quel pizzico di magia che ogni Natale porta con sé.

Caterina
Tavolino Millennium con struttura in acciaio laccato e piano in legno impiallacciato di rovere. Tavolino Lift con struttura e dettagli decorativi in acciaio laccato, piano in SuperMarmo.

Finalmente liberi dagli impegni lavorativi, Elisa e Lorenzo trascorrono i giorni delle Feste organizzando mille giochi per il loro piccolo Andrea. La mamma si siede sul divano e legge qualche pagina del loro libro di fiabe preferito, e il divertimento può iniziare. Il loro soggiorno si trasforma di volta in volta in un galeone dei pirati, una pista dove macchinine colorate si sfidano fino all’ultimo giro, un bosco incantato… In fondo, bastano una scatola di costruzioni e un po’ di fantasia per passare momenti spensierati e creare i ricordi che porteranno nel cuore per molti anni, anche quando Andrea sarà cresciuto e su quel divano magari parleranno delle sue prime cotte, di quale scuola scegliere, di cosa vorrà fare “da grande”…

Elisa, Lorenzo e Andrea
Tavolino Tokio con struttura in acciaio laccato e piano in Cristallo.

Fuori è ancora buio, ma Andrea è già sveglio e si stiracchia nel suo lettino. Fuori dalla finestra si vedono le prime luci della città che si accendono, mentre il bambino scruta il panorama in cerca di qualche traccia del passaggio di Babbo Natale. La curiosità è tale che non può far altro che scendere le scale in punta di piedi e arrivare in salotto per andare a sbirciare… Ieri sera prima di andare a dormire aveva lasciato tutto pronto per offrirgli un bello spuntino notturno: una tazza di latte caldo con dei biscotti fatti insieme a mamma e papà sul tavolino accanto alla poltrona vicino al camino, e qualche mela fresca per rifocillare anche le renne. “Beh, il piattino è vuoto adesso… quindi è passato!” pensa Andrea.

Le decorazioni argentate brillano e fanno risplendere il grande albero di Natale con le prime luci dell’alba. E sotto l’albero, è comparsa una moltitudine di pacchetti colorati. Cercando di non fare rumore, Andrea inizia a toccarli per indovinarne il contenuto, sperando di individuare la scatola di costruzioni con cui non vede l’ora di giocare insieme al papà. I campanellini appesi all’albero iniziano a tintinnare con i movimenti del bimbo che, per non essere “scoperto”, decide di tornare subito a letto. Beh, non proprio subito: prima passa in cucina per prendere qualche biscotto da sgranocchiare in cameretta mentre aspetta che suoni la sveglia.

tavolino comodino Alfred
Tavolino Alfred con struttura portariviste in acciaio laccato e piano in legno impiallacciato di rovere naturale.

Ore 8.30, suona la sveglia e un motivetto natalizio fa aprire gli occhi a Elisa e Lorenzo. “Buon Natale, amore!” si dicono praticamente all’unisono, scoppiando poi in una risata. Si alzano e si dirigono verso la cameretta del figlio, certi di trovarlo già sveglio e prontissimo per iniziare questa giornata di festa.

Dopo aver fatto colazione tutti insieme, si dedicano agli ultimi preparativi per allestire il pranzo di Natale. Elisa apparecchia la tavola con cura, mentre Lorenzo accende le candele sparse per tutto il soggiorno e i fili di lucine che decorano l’albero di Natale. Sopra al camino c’è una ghirlanda di agrifoglio, e sulle mensole sono appoggiati dei quadretti con la scritta Merry Christmas. Sul divano, i cuscini ricamati e il morbido plaid rosso a tema nordico completano l’atmosfera accogliente del soggiorno.

Tavolino Tiffany con struttura in legno massello e piano in acciaio laccato. Vassoio opzionale in Alluminio.

Tutto è pronto per festeggiare, l’arrosto sfrigola nel forno e fuori dalle finestre si vedono i primi fiocchi di neve nel cielo. Arrivano anche i nonni, mentre il profumo dolce e speziato delle candele si diffonde in tutta la casa. Tra il divano e i pouf c’è posto per tutti, e per la gioia di Andrea si iniziano ad aprire i regali. Tra giocattoli, fiocchi e nastrini che volano, i “grandi” iniziano a gustare i primi stuzzichini appoggiandosi al coffee table allestito con tovagliolini, posate e bicchieri. “Babbo Natale ha proprio letto la mia letterina!” esclama Andrea tutto contento.

Si mettono a tavola, e il pranzo di Natale prosegue con le sue tradizioni…

Andrea e Alice non vedono l’ora di passare il loro primo Natale nella nuova casa in cui si sono trasferiti quest’anno, una graziosa villetta appena fuori dal centro città. Impazienti di accogliere la famiglia e mostrare a tutti il risultato dei lavori di ristrutturazione fatti per trasformare la casa a misura dei loro sogni, hanno addobbato ogni stanza. Ora l’atmosfera natalizia si sente nell’aria, e il tintinnio delle campanelline appese ai rami dell’albero di Natale rende tutto più magico. Andrea ama cimentarsi tra i fornelli e da giorni sta pensando a come organizzare il menù delle Feste, mentre Alice è l’esperta di come apparecchiare la tavola a Natale. Fin da quando era una ragazzina, i nonni le hanno trasmesso la passione per questo tipo di dettagli: apparecchiare una tavola elegante a Natale – e ogni giorno – è un gesto che le evoca dolci ricordi della domenica in famiglia, quando c’erano sempre una tovaglia ricamata e piatti scelti con gusto sul grande tavolo in legno di noce nel soggiorno.

Per cominciare, Alice sceglie quella che sarà la protagonista della sua tavola di Natale: una bella tovaglia di lino color verde bosco, acquistata proprio in vista delle Feste. La decorazione a giorno lascia intravedere il piano in SuperMarmo del tavolo da pranzo. “Fa proprio un bell’effetto!” pensa tra sé e sé mentre sistema la tovaglia per farla cadere in modo ordinato da ogni lato del tavolo.

Per apparecchiare la tavola di Natale, poi, Alice tira fuori dalla madia in soggiorno il servizio di piatti in porcellana bianca e l’argenteria di famiglia. Inizia disponendo i sottopiatti – un dettaglio che non dovrebbe mai mancare sulla tavola delle occasioni importanti – con sopra un piatto steso e la fondina. A destra del piatto posiziona il coltello e il cucchiaio, mentre le forchette vanno a sinistra. I bicchieri sono a destra in alto, un tumbler per l’acqua e due calici per i brindisi che verranno. Per i tovaglioli, Alice decide di fare un piccolo strappo alle regole del galateo – che li vorrebbe a sinistra delle forchette – e li sistema al centro del piatto, chiusi da un nastrino rosso con un piccolo agrifoglio a cui aggiunge un segnaposto scritto a mano, proprio come fa sempre la sua mamma.

tavola apparecchiata per Natale
Tavolo allungabile Echo con struttura in alluminio e acciaio, piano in legno impiallacciato. Sedie Penelope con struttura in acciaio laccato, imbottite e rivestite in velluto. Pouff Puffoso con struttura in acciaio laccato, imbottito e rivestito in velluto.

Per completare la sua tavola di Natale, non le resta che preparare il centrotavola. Per realizzarlo, Alice e Andrea hanno tenuto da parte vasetti e contenitori di vetro tra ricordi di viaggio e altre occasioni. “Che bello era stato il nostro viaggio in Provenza, e come sono belle queste boccette di profumo!” dice Alice. “Già, ed è stata proprio una buona idea conservarle per il centrotavola” le fa eco Andrea. Le dispongono lungo la tavolata – alternati a candele, pigne e altre piccole decorazioni – con all’interno stelle di Natale e rami di vischio. Il risultato riflette proprio lo stile dei padroni di casa: elegante con brio, ed è decisamente più moderno rispetto al tradizionale cuscino di fiori che si usava qualche tempo fa.

Ora che la tavola è apparecchiata per Natale, manca solo un ultimo dettaglio: preparare il carrellino su cui appoggiare le bottiglie di vino, la brocca dell’acqua, il cestino del pane e le posate che potranno servire durante il lungo pranzo di Natale. Un modo semplice e chic per avere tutto a portata di mano e non dover interrompere l’atmosfera allegra del pranzo in famiglia.

Carrello portavivande Chic
Carrello portavivande su ruote Chic con struttura in acciaio laccato e piano in cristallo.

Dicembre è arrivato e Natale si avvicina a grandi passi. Caterina attraversa la città mentre le strade si vestono a festa, con le luminarie e i festoni rossi e verdi, il profumo delle caldarroste e di vin brulè che scalda l’aria frizzante dell’inverno. L’atmosfera natalizia è palpabile, non resta che pensare a come decorare la casa per Natale. Questa mattina è andata in soffitta a prendere gli addobbi e presto si dedicherà a fare l’albero e a decorare tutta la casa, a partire dall’ingresso. Ogni anno, non vede l’ora che sia questo momento per rivivere le emozioni delle Feste degli anni passati e iniziare a pensare a quelle in arrivo. Le scatole delle decorazioni, per Caterina, sono come scrigni pieni di ricordi a cui è affezionatissima: i festoni fatti a mano insieme alla mamma, le palline che le hanno regalato quando si è trasferita nella casa nuova e quelle che ha comprato andando per mercatini di Natale con le amiche…

Come allestire la casa per Natale

I preparativi iniziano addobbando l’immancabile albero di Natale con palline dorate, fiocchi candidi e fili di lucine da accendere per creare l’atmosfera più suggestiva nelle sere d’avvento. Il bianco e l’oro sono i colori natalizi preferiti di Caterina: il primo le ricorda la neve delle montagne e le vacanze sugli sci, una passione di famiglia sin da quando era piccola, mentre l’oro è per lei il simbolo delle stelle che brillano nella notte di Natale. Con questi colori decora tutta la casa – appende le calze sul camino e gli origami a forma di fiocchi di neve alle finestre, dispone piccole lanterne sugli scaffali, un filo di lucine attorno all’appendiabiti – e naturalmente la ghirlanda sulla porta d’ingresso.

Tutti gli anni Caterina realizza delle nuove decorazioni utilizzando rami d’abete, foglie e pigne che raccoglie durante le passeggiate nel parco con il suo cagnolino Oliver. Ad aiutarla ci sono sempre le sue nipotine, Anita e Sofia, e sua sorella Laura: anche questa volta hanno passato proprio un bel pomeriggio attorno al grande tavolo in soggiorno, divertendosi con i nastri colorati e gli spray pieni di brillantini dorati. E per finire, una bella cioccolata calda con tanti biscottini per tutte!

Tavolo Artistico con struttura in acciaio laccato e piano in legno massello di noce. Sedia Tai con struttura in acciaio laccato, imbottita e rivestita in waterproof nabuk.

“L’albero è addobbato, la ghirlanda è pronta, le decorazioni sono al loro posto” pensa Caterina tra sé e sé, sicura che ci sia ancora qualcosa da fare… “Ma certo! L’ingrediente speciale del Natale: i momenti di allegria da passare in famiglia”. Non solo con i parenti e gli amici più stretti, ma con tutte le persone che abbiamo vicino. La mattina dopo Caterina prende una bella scatola di latta, la riempie di omini di pan di zenzero, la chiude con un fiocco e va a bussare alla porta accanto. Da qualche tempo, tre studentesse hanno preso in affitto la casa vicino alla sua e diverse volte è capitato di fermarsi a scambiare quattro chiacchiere. Aperta la porta, un grande sorriso spontaneo accoglie Caterina e i suoi dolcetti di Natale. Le ragazze sono davvero felici di quel pensiero gentile, che per loro sa di casa… e di famiglia.

Madia significato cercasi? Stando a quanto riporta il dizionario, la madia è un mobile rustico ovvero una cassa di legno dalla forma rettangolare e dotata di un coperchio che può essere sollevato a cerniera. Veniva impiegata tradizionalmente nelle case di campagna per conservare farina e lievito con cui fare il pane, per cui il suo piano d’appoggio poteva essere utilizzato anche come mobile per impastare, e da questa usanza derivano alcuni modi di dire (ormai in disuso) che indicavano condizioni di maggiore o minore agiatezza. “Avere la madia alta” oppure “avere sempre la madia piena” voleva dire passarsela decisamente bene, al contrario di chi aveva “la madia bassa” o peggio, vuota. E nell’arredamento moderno, la madia cos’è? Oggi si tratta di un mobile decorativo e funzionale, che può essere composto da ante, cassetti e vani a giorno per contenere stoviglie, bicchieri, libri e oggetti di design da posizionare in cucina oppure in soggiorno. La struttura in legno delle madie Bontempi Casa può essere arricchita da elementi in cristallo, Superceramica e Supermarmo, declinati in un’ampia gamma di colori.

Madia Pica con struttura in legno, composta da due ante a battente, ripiani interni in cristallo trasparente, vano a giorno centrale in legno laccato, fianchi e ante in legno laccato decorato, top in legno laccato. Telaio con piedini in Acciaio laccato.

Per estensione, il termine madia può indicare anche la dispensa o credenza, ma che differenza c’è tra l’una e l’altra – e come scegliere tra credenza o madia? Essendo nata come mobile per impastare, la madia è alta e più stretta rispetto alla credenza: per essere funzionale, doveva avere un’altezza maggiore rispetto al piano del tavolo per permettere di lavorare comodamente sul ripiano superiore, oltre ad essere utilizzato come mobile dispensa dove conservare il pane, la farina, le granaglie e il vino.

Grazie alle sue dimensioni, la madia può adattarsi ad ogni contesto – comprese le metrature più ristrette di molte case moderne – portando sempre un tocco di eleganza oltre alla funzionalità contenitiva. Sul suo piano d’appoggio possono trovare spazio vasi di fiori, candele e cornici o stampe semplicemente appoggiate.

Madia Cosmopolitan con struttura in legno, composta da 4 ante a battente, sistema di apertura con gola, ripiani interni in Cristallo, top, fianchi e ante in SuperCeramica e SuperMarmo.

Rispetto alla madia, la credenza è invece più bassa e ha generalmente uno sviluppo orizzontale e un’altezza simile a quella del tavolo. Anche la sua origine è diversa. La sua diffusione inizia nel XVII secolo nelle case della nobiltà dove venivano posizionate accanto al grande tavolo riservato ai banchetti. Su questi mobili venivano esposte le pietanze, affinché il “mastro credenziere” potesse mostrarle agli ospiti ed assaggiarle per dimostrare che non erano avvelenate. La credenza, termine nato da questa cerimonia, in seguito divenne il nome della stanza adiacente la cucina dove si conservavano le vivande, per poi passare ad indicare il mobile come lo conosciamo ancora oggi.

In un soggiorno di grandi dimensioni, la credenza può essere la soluzione ideale se si cerca un elemento d’arredo di grande impatto, che possa dare la giusta visibilità a oggetti di design, quadri o specchi, mentre i suoi vani possono contenere servizi di piatti e bicchieri, libri, album di foto e molto altro.

Simbolo di bellezza e vanità, gli specchi sono anche complementi d’arredo che possono allargare l’orizzonte visivo e permettere alla luce di espandersi. Posizionandoli all’ingresso o lungo il corridoio, utilizzandoli per riempire una parete o per ampliare lo spazio, si possono dare molte risposte alle domande su come arredare con gli specchi. Moderni o in stile vintage, essenziali o dal design più scenografico, con linee morbide o più squadrate, nel catalogo di Bontempi Casa ci sono specchi per tutti i gusti. Qui, invece, i consigli per sceglierli ed utilizzarli al meglio.

Come arredare l’ingresso con gli specchi

Appena varcata la soglia di casa, lo spazio dell’ingresso accoglie e noi e i nostri ospiti rappresentando un vero e proprio biglietto da visita della casa e di chi la abita. Mai sottovalutare l’importanza di arredarlo con cura, quindi, anche se spesso le abitazioni moderne non sono provviste di un’anticamera che possa fungere da ingresso. Ma anche in questi casi è importante ricavare un angolo funzionale che ci accompagni verso gli ambienti della zona giorno (o verso l’esterno quando stiamo uscendo) permettendoci di riporre o prendere ombrelli e soprabiti, scegliere o sfilare le scarpe, e in definitiva sentirci “a casa”. Una madia o degli scaffali a parete, un portaombrelli e un appendiabiti sono i complementi d’arredo che non dovrebbero mancare, insieme naturalmente ad uno specchio per ampliare otticamente lo spazio e renderlo più luminoso.

Eidos specchio
Specchiera verticale Eidos con fascia in cristallo sabbiato.

Chi ama il design essenziale, che lascia spazio alla funzionalità, amerà anche arredare l’ingresso con lo specchio Eidos: una grande superficie riflettente, disponibile in due formati e decorata soltanto da una fascia in cristallo laccato oppure sabbiato. La versione verticale è perfetta per chi ha bisogno di potersi specchiare a figura intera anche in ambienti ristretti, mentre la versione orizzontale è adatta a spazi più ampi.

arredare ingresso con specchi
Specchio rettangolare Break posizionabile orizzontalmente o verticalmente, con struttura portante in acciaio laccato. Madia Cosmopolitan con struttura in Legno. Portariviste Fan in acciaio laccato.

Più scenografico lo specchio Break, il cui design presenta delle spaccature nel vetro dall’effetto assolutamente contemporaneo e originale. Di forma quadrata oppure rettangolare, può essere appeso in orizzontale oppure in verticale per adattarsi perfettamente allo spazio dell’ingresso da arredare.

Come arredare una parete con gli specchi

Oltre che funzionali, gli specchi sono elementi decorativi a tutti gli effetti e possono essere utilizzati anche per completare l’arredamento di pareti ampie e spaziose valorizzando l’ambiente con diversi effetti estetici. Un unico grande specchio al centro della parete, ad esempio, avrà molta importanza visiva e sarà il protagonista dell’interior decor. Posizionare più specchi di diverse dimensioni darà invece un effetto più dinamico e creativo, adatto a case dallo stile contemporaneo.

arredare ingresso con specchi
Specchio quadrato Diamante da fissare a parete. Madia Pica con struttura in legno laccato a quattro ante.

Dalla capacità di riflettere la luce del Diamante prende ispirazione questo ampio specchio da parete, dotato di una cornice che ricrea l’effetto multisfaccettato delle pietre preziose. Da posizionare sopra ad una madia oppure in prossimità del tavolo da pranzo, cattura l’attenzione e conferisce importanza all’ambiente.

Arredare parete con specchi
Specchio sagomato fisso Renoir.

Più semplici e leggere sono le forme di Renoir, lo specchio con cui arredare la parete divertendosi ad accostare superfici riflettenti tonde oppure ovali nelle tre varianti disponibili. Può essere appeso nella zona giorno ma anche nelle stanze della zona notte per valorizzare gli spazi e renderli più luminosi e accoglienti.

Come progettare l’illuminazione in casa? La scelta dei punti luce e delle lampade di design è fondamentale per valorizzare gli ambienti e per delinearne lo stile. È importante creare un progetto ben definito, che tenga in considerazione l’interazione tra luce naturale e artificiale oltre ad aspetti come le dimensioni delle stanze, l’altezza del soffitto, la pavimentazione e i colori scelti per le pareti e per gli arredi. Poiché ogni stanza ha caratteristiche ed esigenze diverse in fatto di illuminazione, vediamo qualche idea per il soggiorno, la cucina e il bagno.

Idee per l’illuminazione del soggiorno

La zona living è quella dove si tende a trascorrere più tempo, tra convivialità e relax. Per illuminarla al meglio, è bene prevedere un progetto di illuminazione del soggiorno composto da diverse fonti luminose, più o meno intense, da posizionare in base alla disposizione dei mobili. La luce principale può essere quella di una lampada a sospensione in corrispondenza del tavolo da pranzo, a cui accompagnare lampade da tavolo oppure piantane da terra per la zona conversazione o per un angolo relax dedicato alla lettura o ai vostri hobby preferiti.

Per creare un filo conduttore tra le diverse parti del soggiorno, un’idea per l’illuminazione è quella di scegliere lampade coordinate oppure legate da un elemento comune, come ad esempio il materiale della struttura e dei paralumi. Tra le lampade da soggiorno moderne nel catalogo di Bontempi Casa, ad esempio, Blow è disponibile sia a sospensione che da tavolo, ma può anche essere accostata alla lampada Spark poiché entrambe hanno linee morbide e sono realizzate in ottone naturale e vetro borosilicato.

Idee per l’illuminazione della cucina

Quando si cucina, la parola d’ordine è praticità. Serve un’illuminazione abbastanza forte e decisa per accompagnarci nella preparazione dei nostri manicaretti così come nell’organizzazione e riordino della dispensa. Le lampade giuste sono semplici e funzionali, preferibilmente a sospensione e con la possibilità di aggiungere un tocco di colore per completare gli arredi sempre più eclettici delle cucine moderne.

Lampada a sospensione Gloria
Lampada a sospensione Gloria con rosone laccato nero opaco e corpo laccato nelle varie finiture disponibili.

Una lampada a sospensione particolarmente adatta all’illuminazione della cucina è Gloria, pensata proprio per ambienti spaziosi come le cucine contemporanee. È realizzata in acciaio laccato disponibile in diverse varianti cromatiche che spaziano dal rosa cipria al giallo acceso passando per celeste e verde chiaro, ma viene spesso abbinata nei suoi due colori minimal bianco e nero che si sposano con tutte le soluzioni di arredo.

Idee per l’illuminazione del bagno

Come ogni altro ambiente della casa, anche il bagno ha bisogno della giusta illuminazione – che non dovrebbe mai essere eccessiva o troppo fredda per evitare l’effetto asettico, ma nemmeno troppo debole per non ostacolare la funzionalità dello spazio. Le idee vincenti sono quelle che prevedono diversi livelli di luce gestibili autonomamente, per poter scegliere a seconda delle esigenze e l’illuminazione più adatta al momento.

L’illuminazione generale del bagno deve essere diffusa uniformemente, solitamente da luci a soffitto che possono essere a incasso o a sospensione in base allo stile d’arredo. A questa si aggiunge l’illuminazione funzionale per punti specifici come il lavabo con lo specchio, il box doccia e/o la vasca da bagno. Come lampada a sospensione per il bagno, una proposta adatta ad un ambiente raffinato e rilassante è Pandora, la cui superficie esterna è delicatamente traforata per diffondere armoniosamente la luce, ed è disponibile in due diverse misure e in vari colori da abbinare per creare la propria combinazione ideale. Tra questi, anche la nuova finitura oro rosa, preziosa ed allo stesso tempo delicata, che si inserisce elegantemente in qualsiasi contesto.

Il legno massello è quello che si ricava dalla parte centrale del tronco dell’albero, la più “anziana” e resistente. Prima di poter essere utilizzato per costruire i mobili per le nostre case, deve essere sottoposto ad un trattamento di stagionatura, che serve ad eliminare l’umidità del legno fresco. La sua superficie mantiene l’aspetto naturale del legno, con gli anelli e i nodi che si formano durante la vita di ogni albero, e con il passare del tempo il suo colore può scurirsi leggermente.

Esistono diversi tipi di legno massello, in base all’essenza ma anche al tipo di lavorazione a cui viene sottoposto. Nel catalogo di Bontempi Casa, il legno massello viene utilizzato per tavoli grandi e per le sedie che ne sono il complemento ideale, e le essenze selezionate sono quelle di noce e di rovere. Per la maggior parte dei modelli, è possibile scegliere il piano del tavolo in legno massello oppure in legno massellato. Cosa li differenzia? Il piano massellato unisce le performance estetiche del legno massello a quelle dei piani impiallacciati. Il bordo esterno del piano è infatti costituito da vero e proprio legno massello dalla forma irregolare, il quale viene sagomato con un raggio che simula il raggio del tronco. La parte superiore del piano è invece composta da legno pregiato che gli regala l’aspetto di un vero e proprio piano massello.

Tavoli in legno massello di noce

Tavolo Artistico, dettaglio del piano in legno massello di noce.

La storia del legno di noce affonda le sue radici nell’antica Grecia e nella mitologia, dove si lega alla figura di Dioniso, ed era considerato un albero profetico. Caratterizzato da un colore bruno intenso che tende al grigio con striature che virano al nero, è estremamente resistente agli urti e all’umidità, doti che lo rendono particolarmente adatto ad essere utilizzato per la costruzione di strumenti musicali e per gli interni delle auto di lusso – oltre che, naturalmente, per la realizzazione di mobili, compresi quelli che richiedono una particolare durabilità come possono essere quelli della cucina.

Oltre al classico legno massello di noce, il catalogo di Bontempi Casa include anche il legno massello scortecciato di noce secolare: un legno selezionato, proveniente da aree certificate a riforestazione controllata, e minuziosamente ricavato dal tronco o dai rami degli alberi nei rigogliosi boschi americani.

Tavolo BRIDGE legno massello di noce
Tavolo Bridge rettangolare fisso con struttura e dettagli decorativi in acciaio laccato, piano in legno massello di noce scortecciato. Sedia Sally con braccioli, struttura in legno massello di noce, imbottita e rivestita in cuoio con cuciture in contrasto. Lampada Blow mini a sospensione con rosone e struttura in ottone naturale e vetro borosilicato.

Bridge è un tavolo in legno massello moderno, il cui solido piano rettangolare è disponibile nelle configurazioni da 8, 10 e 12 posti, ed è abbinato a un’originale struttura in acciaio laccato con dettagli decorativi ispirata alla forma di un cavalletto. Bridge può diventare un elegante tavolo da pranzo, ma si presta perfettamente anche ad essere collocato in ambienti professionali come scrivania di rappresentanza.

Tavolo rettangolare fisso Imperial con struttura a bracciale in acciaio laccato e piano in legno massello scortecciato di noce secolare. Sedie Sveva con braccioli e struttura in legno massello di noce, seduta, schienale e inserti triangolari imbottiti e rivestiti in pelle premium e lana.

Tutto il fascino del legno massello di noce secolare incontra la modernità nella scultorea struttura a bracciale del tavolo Imperial, perfetto come tavolo da pranzo per arredare la casa in montagna – ma anche in città – con un tocco davvero originale.

Tavoli in legno massello di rovere naturale

Tavolo Millennium, dettaglio del piano in legno massello di rovere naturale.

Tipico della Pianura Padana ma diffuso anche nel resto d’Italia, il rovere è una quercia maestosa e longeva, tanto da poter anche superare i tre secoli di vita. Fin dall’antichità, il legno di rovere è sempre stato considerato molto pregiato. Il suo aroma peculiare è la caratteristica per cui viene scelto per fabbricare le cosiddette “botti di invecchiamento” e affinamento dei vini, le cosiddette barrique, mentre la sua solidità e la resistenza all’acqua lo rendono ideale per opere di falegnameria pesante. Non da ultimo, il legno massello di rovere è un materiale molto apprezzato per la costruzione di mobili di lusso, solidi e raffinati, come quelli presenti nel catalogo Bontempi Casa. Per esaltarne le qualità naturali, il bordo esterno laterale dei piani dei tavoli in legno di rovere naturale massello mantiene la forma originale del tronco dell’albero, regalando al piano unicità e artigianalità.

Tavolo fisso Millennium con struttura in acciaio laccato e piano in legno massello di rovere naturale. Sedie Alfa con struttura in legno massello di rovere naturale, complete di cuscino imbottito e trapuntato in pelle ecologica.

Millennium è un tavolo da pranzo in legno massello dedicato a chi ama la tradizione delle grandi tavolate, rivisitata però in chiave contemporanea. Il piano in legno, infatti, è abbinato a una struttura centrale a X dalle linee nette e decise, che permette di disporre i posti a tavola senza intralci e in più regala all’ambiente un’eleganza moderna e mai scontata.