Il primo pouf della storia risale ai conviviali salotti di Maria Antonietta di Francia. Correva l’anno 1774 e il parrucchiere della sovrana più eccentrica di tutti i tempi aveva creato per lei un’acconciatura alta il doppio della testa: un telaio metallico e cuscini imbottiti erano ricoperti con i capelli intrecciati e impreziositi da gioielli, diamanti, fiori, frutta e piume. Gli diedero il nome di “pouf”, una parola la cui assonanza ricordava qualcosa di buffo ed evocava sensazioni di morbidezza. Nonostante la moda delle bizzarre pettinature della regina francese terminò con la sua decapitazione, il pouf è rimasto nelle case dei borghesi di corte per oltre un secolo, ed è arrivato fino ad oggi, sotto forma di complemento d’arredo chic e di personalità.

Come si evince dalle recenti edizioni del Salone del Mobile di Milano, il pouf è diventato senza dubbio l’elemento chiave per la zona living, ma non si limita a questo. Il pouf oggi è indice di contemporaneità, stile e conoscenza del design. Ne esistono diverse versioni: pouf morbidi realizzati con stoffe e tessuti pregiati, lana, velluto, cotone, pelle ed ecopelle; pouf rigidi in legno e alluminio, e pouf contenitori, pouf portaoggetti che si trasformano da seduta a scrigni di oggetti di valore oppure di uso quotidiano. Ogni forma e materiale rappresenta uno stile e personalità del proprietario di casa. Ecco come riconoscere il tuo pouf ideale, per arredare la tua casa e rappresentare la tua visione del mondo, come faceva Maria Antonietta con le sue acconciature.

Pouf ecopelle

Chi non ha mai smesso di considerare il pouf un elemento d’arredo riservato al comfort, non può che optare per Uchi o Badù, i pouf imbottiti di forma quadrata o cilindrica firmati Bontempi Casa. Sono adatti per l’angolo relax in soggiorno, ma anche in camera da letto.

Pouf stoffa

Puffoso, una delle novità di maggiore successo di Bontempi Casa, è il pouf ultra-morbido dalla forma rotonda, imbottito e rivestito di varie tipologie di stoffa: dal più classico velluto alla lana vergine, fino ai tessuti brevettati dal marchio, come il tessuto Mambo, tessuto Lulù, Waterproof Nabuk e in versione stampata, ma anche in tessuto Déco, Kvadrat Field, Tessuto Kvadrat Coda e Pelle Premium. Questo pouf chiama personalità romantiche, sognatrici e vivaci, come i colori di Puffoso: giallo, celeste, salmone…

Pouf portaoggetti e contenitori pouf

Pouf multiforme e multifunzione, perché i più creativi hanno bisogno versatilità dai complementi d’arredo che scelgono per la propria dimora. In una casa d’artista non può mancare un pouf portaoggetti, come Pattern di Bontempi Casa, realizzato in acciaio laccato e con un design forato molto accattivante. È disponibile in diverse misure, così che possa funzionare in ogni spazio della casa. La sua forma geometrica consente di posizionare non solo sopra, ma anche al suo interno, libri, riviste e coffee table books (link articolo coffee table) da collezione. Un oggetto da esporre come pezzo cool dell’arredamento, ma anche sgabello per dipingere, scrivere, leggere, e un contenitore originale per tutto quello che desideriamo.

Pouf abbinati a poltrone

E infine, perché non scegliere un pouf en-pendant con la poltrona? La soluzione d’arredo ideale per degli studi e uffici, ma anche angoli relax del soggiorno. Daya pouf e Daya poltrona di Bontempi Casa hanno una linea minimal ed essenziale, hanno una struttura con base girevole in acciaio cromato, una scocca imbottita molto morbida e sfoderabile, e sono rivestiti in pelle ecologica, pelle premium, velluto, waterproof nabuk, lana o tessuti Lulù, Mambo e Kvadrat field. Un’ampia scelta per soddisfare tutti i tipi di confort.

L’evoluzione storica del pouf lo ha allontanato da quell’immaginario di acconciature scomode, seppur spettacolari, di Maria Antonietta. Quello che ci è rimasto di quell’allure francese, tuttavia, è il nome aristocratico ed elegante, allo stesso tempo un po’ buffo. Un pouf è tutte queste cose, dopotutto, è eleganza, comfort, ironia, carattere. E averne almeno uno fra le mura di casa ci fa sentire tutti un po’ re e regine di Francia.

Comments are closed.