Da dove nasce l’ispirazione che vi ha guidato nella realizzazione dello stand Bontempi Casa 2019?

Dopo un brief iniziale con l’azienda, abbiamo fatto una ricerca e alcune riflessioni su tutti gli elementi stilistici e strutturali tipici dell’ambiente casa. Gli archi, anzitutto, sono un elemento architettonico ricorrente nelle case dell’Epoca Romana. L’apertura che gli archi conferiscono rispetto allo spazio circostante conferisce una sensazione di serenità a lo abita. Inoltre, l’arco è una forma che nella storia dell’arte e dell’architettura si lega al Neo Classicismo, un movimento caratterizzato dalle forme arrotondate e armoniose, spesso riprese negli spazi abitativi di diverse culture post-romane. Dopotutto Bontempi vuol dire Casa.

Come avete scelto questa palette colori?

Lo stand di Bontempi Casa, quest’anno, si orienta verso tonalità delicate e neutre, come il tortora e il rosa cipria. La nostra è stata una scelta stilistica dettata dall’intento di far risaltare i prodotti stessi – nella maggioranza, composti da materiali importanti e colori accesi o pastello. Una palette neutra e versatile ci ha quindi permesso di far emergere le collezioni Bontempi in modo naturale. L’effetto del visitatore è quello di entrare proprio in una casa arredata.

Qual è il messaggio che lo stand riesce a veicolare ai visitatori?

Oggi, sempre di più, ai mobili e complementi d’arredo viene richiesto di dare un’emozione, di lasciare qualcosa di importante a chi li acquista. Non si tratta più solo di arredare uno spazio con madie, librerie e tavoli, ma anche – e soprattutto – trasmettere una personalità e un gusto precisi. Quello che abbiamo cercato di raccontare con la realizzazione di questa struttura, sia al pubblico che al privato, è la possibilità accessibile di creare ambienti diversi su misura. Bontempi Casa offre un’ampia serie di finiture e colori, e in questo modo il cliente si sente libero di ideare la casa o l’ufficio con uno stile totalmente personale, senza limiti e costrizioni, in totale libertà.

Comments are closed.