Quando si parla di arredare un ambiente domestico, ci si concentra principalmente sull’organizzazione degli spazi, la disposizione dei mobili e la tipologia di luci più appropriata. C’è anche una forte attenzione in prima battuta verso complementi d’arredo, tessili e tendaggi, ma spesso ci si dimentica dell’elemento strutturale più importante di ogni spazio abitativo: le pareti. I muri della casa non sono solo le colonne portanti della casa stessa, ma anche il campo visivo più grande che colpisce l’occhio. Ecco perché valorizzare questi “buchi bianchi” è fondamentale. Come? Mensole con libri e vasi di fiori, ma soprattutto quadri.

Quadri per soggiorno moderno: come sceglierli

Tavolo Podium, fisso o allungabile con base in cemento. Piano in legno massello, massellato, impiallacciato, cristallo o cristallo antigraffio, cemento e SuperMarmo. Sedie Suri con braccioli, struttura girevole e con ruote, in acciaio laccato, schienale in tessuto elastico a rete lavorato e seduta in tessuto elastico a rete uniforme o pelle ecologica – by Bontempi Casa 

L’errore da non commettere è pensare che basti appendere un qualsiasi quadro per riempire uno spazio vuoto. La scelta dei quadri per le stanze della casa va ponderata con calma, seguendo uno stile preciso che unisce la palette colori dell’arredamento e il gusto personale dei suoi abitanti. Non abbiate fretta, e prendetevi tutto il tempo che vi serve per riflettere su quali ornamenti appendere.

La scelta dei quadri per il salotto dipende anzitutto dal tipo di effetto che si vuole ottenere. Stampe, disegni oppure opere d’arte da collezione, in stile antico o moderno, i quadri dovranno avere un valore estetico ma anche molto personale. Il primo passo per sceglierli è capire che anche queste decorazioni per le pareti sono parte integrante dell’arredamento, tanto quanto tavoli, sedie, lampade e comodini. In quanto tali, devono conferire carattere all’ambiente in cui vengono esposti, relazionandosi con tutti gli elementi presenti.

Vogliamo che i quadri del living room attirino l’attenzione o facciano da piacevole sfondo? Preferiamo un quadro unico di grandi dimensioni o una composizione di quadri più piccoli? Nel primo caso, meglio centrarlo simmetricamente oppure no? Nel secondo caso, come disporli? In un soggiorno moderno non è inusuale optare per un grande quadro al centro del muro principale. L’intento è quello di veicolare lo sguardo dell’osservatore e ravvivare lo stile contemporaneo dell’arredamento, solitamente total white ed essenziale, con toni accesi e forme geometriche importanti. Se invece la parete non è abbastanza grande da rimanere armonica con un dipinto al centro, la scelta di un numero pari di piccole cornici allargherà il campo visivo e renderà l’ambiente più ampio e luminoso.

 

Come scegliere i quadri giusti per i diversi ambienti della casa

Madia Pica con struttura in legno a tre ante, ripiani interni in cristallo trasparente, vano a giorno centrale sx in legno laccato, fianchi e ante in legno impiallacciato, top a scelta. Telaio con piedini in acciaio laccato. Pouf Puffoso con struttura in acciaio laccato, imbottito e rivestito in Pelle ecologica, Tessuto Mambo, Tessuto Lulù, Waterproof Nabuk, Waterproof Nabuk stampato, Pure Virgin Wool, Velluto, Tessuto Decò, Tessuto Kvadrat Field, Tessuto Kvadrat Coda e Pelle Premium – by Bontempi Casa

 

Una volta stabilito l’effetto che si desidera ottenere, ci si può concentrare sul soggetto più appropriato, i colori e la cornice. Tutto varia a seconda delle dimensioni del quadro e all’ambiente circostante. I soggiorni moderni si sposano con stampe e fotografie contemporanee. Attenzione alla cornice: mai scegliere cornici troppo importanti, perché distoglierebbero lo sguardo dal soggetto del dipinto o immagine. Va bene giocare con cornici vintage molto decorative, se la stampa è un antico disegno fatto a mano.

 

Stampe moderne d’ispirazione post-surrealista sono adatte al soggiorno, all’ingresso e ai corridoi, su e giù per le scale; mentre disegni, caricature e miniature – come quelle botaniche – sono perfette per la cucina. I paesaggi, dipinti o fotografati, rilassano l’atmosfera della zona notte. I wall-stickers sono invece un’ottima alternativa ai quadri per il bagno: si attaccano alle piastrelle, e possono essere tolti all’occorrenza con una spugna imbevuta di acqua calda. Flora e fauna sono tra i soggetti preferiti, ma sul mercato oggi c’è una varietà di proposte che permettono di personalizzare gli ambienti più diversi.

 

Stampe, arazzi, pannelli decorativi con effetto 3D, ma anche gli specchi possono diventare dei veri e propri quadri, specialmente quando hanno un dettaglio strutturale scultoreo, come un taglio a diamante o una peculiare decorazione. Piccoli specchi tondi, molto semplici, possono essere posizionati in modo simmetrico (o asimmetrico) lungo una parete estesa per dilatare lo spazio e fungere da decorazione discreta.

 

Decorare la casa con quadri, stampe o specchi è un modo divertente e creativo per rendere ogni ambiente più personale e accogliente. Le regole da seguire sono poche, la cosa più importante è seguire il proprio istinto per raccontare una personale visione del mondo. Gli ospiti rimarranno piacevolmente colpiti dal gusto espresso tramite i quadri che, proprio come madie, librerie e lampade, completano l’arredamento.

Specchio Diamante, dettaglio, by Bontempi Casa

 

 

Comments are closed.