19 Results

spazi piccoli

Search

tavoli allungabili

Come si arreda uno spazio piccolo? È la domanda più frequente di chi vive in un monolocale o in una casa dalla metratura limitata. Il primo consiglio degli esperti è quello di usare i migliori tavoli allungabili, da posizionare in cucina o nella sala da pranzo, preferibilmente paralleli alla parete principale. Ottimizzare lo spazio grazie ad un tavolo allungabile o consolle allungabile è possibile, tenendo conto degli angoli interni alla casa.

Se avete un soggiorno angusto, potete recuperare dello spazio utile eliminando la porta e, al suo posto, creare un grande arco che delimita gli ambienti. Scegliete le tinte chiare e tenui per donare luce, far risaltare i mobili scelti, sfruttare l’illuminazione naturale e dare maggiore profondità alla stanza. Per quanto riguarda i mobili, la migliore soluzione d’arredo è senza dubbio un tavolo rotondo allungabile. La forma circolare, infatti, permette di salvaguardare diversi centimetri di spazio, in quanto priva di spigoli che potrebbero interferire nel movimento all’interno dell’ambiente.

Perché un tavolo allungabile è l’elemento d’arredo fondamentale per una casa piccola? Perché è contenuto nelle sue misure standard e quindi non intralcia gli spostamenti quotidiani tra le stanze, ma all’occorrenza può trasformare il salotto o la cucina in un locale confortevole, spazioso, adatto agli ospiti, funzionale, pratico e allo stesso tempo elegante e di buon gusto.

Un ambiente piccolo, infatti, è paradossalmente più semplice da arredare con uno stile personalizzato, in quanto in un ambiente ridotto i dettagli saltano più velocemente all’occhio. Vi proponiamo i tavoli Bontempi allungabili migliori, da scegliere ad arte per arredare la vostra abitazione nello stile d’arredo che preferite.

I migliori Tavoli allungabili Bontempi

Tavolo allungabile Bontempi Pascal

Questo tavolo rettangolare con allunghe integrate ha una solida struttura in acciaio, il piano è disponibile in legno impiallacciato, legno laccato, melaminico, Unicolor antigraffio, cristallo e Superceramica.  Questo tavolo è perfetto per spazi ridotti, infatti da chiuso misura cm 140 ma riesce ad ampliare le proprie dimensioni all’occorrenza per ospitare i commensali attorno alla tavola, infatti nella massima estensione arriva a cm 299.

Tavolo allungabile Bontempi Artistico

Tavolo rettangolare fisso o allungabile con struttura in acciaio laccato, il piano e le prolunghe disponibili in cristallo lucido, antigraffio opaco, legno impiallacciato, SuperCeramica, SuperMarmo e SuperCemento. Un tavolo importante ma allo stesso tempo adattabile ai piccoli spazi perfetto per chi ha poco spazio ma non vuole rinunciare a vivere la propria casa elegantemente. Artistico è la giusta risposta alla richiesta di equilibrio, eleganza e funzionalità.

Tavolo allungabile Bontempi Genio

Tavolo a forma rettangolare con allunghe e struttura in acciaio laccato. Piano in legno laccato, impiallacciato, vetro lucido, vetro antigraffio opaco, Superceramica, Supermarmo o Supercemento. Questo nella sua condizione da chiuso, ha dimensioni ottimali, di cm 140, però può incrementare la sua capienza grazie ai suoi meccanismi che lo portano ad allungarsi fino a cm 240. Questa tavola si ambienta con eleganza in un soggiorno con parquet, e in presenza di almeno una finestra. Da posizionare parallelo alla parete portante per risparmiare spazio.

Tavolo allungabile Bontempi Barone

Tavolo di forma rotonda oppure ellittica in versione fissa o allungabile, con struttura in metallo laccato. Piano in legno laccato, impiallacciato, vetro lucido, vetro antigraffio opaco o Supermarmo. Il tavolo rotondo allungabile è l’elemento d’arredo che rivoluziona uno spazio minuto, grazie alla sua sagoma morbida e priva di spigoli. L’arma vincente è sceglierlo in una tonalità il più chiaro possibile perché, anche nel mondo dell’arredamento, i colori chiari ampliano, arieggiano e distendono. Da posizionare al centro della stanza principale per creare un allineamento armonioso nell’ambiente.

 

L’ingresso è il primo spazio abitativo che accoglie noi e i nostri ospiti all’entrata. Ecco perché i mobili da ingresso vanno scelti con cura: sono il biglietto da visita della nostra casa, l’immagine iniziale che diamo di noi e del nostro stile di vita. Mai sottovalutare l’importanza dell’ingresso: gli va dedicata la stessa attenzione dell’arredo di cucina, soggiorno e zona notte.

Un ingresso è solitamente una stanza abbastanza grande da contenere un mobile madia, o addirittura un guardaroba; può esibire una galleria di quadri o una piccola libreria di benvenuto, mensole, tavolini e appendiabiti. L’importante è che i mobili da ingresso moderni siano sempre ben ragionati, per dimensioni, stili e colori.

mobili da ingresso

Madia Amsterdam by Bontempi Casa: madia con struttura in legno, n°2 ante a battente, n°2 cestoni con sistema di apertura push-pull, top fianchi e ante in legno laccato o essenze di legno.

Come scegliere i mobili da ingresso

L’ingresso è l’ambiente che, rispetto alle altre stanze della casa, riceve solitamente meno attenzioni, eppure l’arredo di questo locale svolge un ruolo fondamentale. Le soluzioni per arredare l’ingresso sono tante, ma sono veramente tutte pratiche? Una delle caratteristiche principali dell’ambiente che ci accoglie al nostro rientro da casa deve essere la praticità. Pochi fronzoli e tanti mobili funzionali, scelti a seconda della dimensione e disposizione della stanza, se sono presenti o meno delle finestre, caloriferi e prese della corrente.

Caratteristiche fondamentali per i mobili da ingresso

Gli arredi dell’ingresso devono essere pratici, comodi e identificativi. Quest’ambiente, infatti, è il biglietto da visita del proprietario di casa: dall’ingresso si comprendono i suoi gusti in fatto di stile, le sue abitudini, il suo modo di vivere la quotidianità. In genere questi spazi sono arredati con portaombrelli, appendiabiti, tavolini e madie moderne. Ma tutto dipende dalle dimensioni dello spazio, dalla disposizione dei muri, dalla quantità di luce che entra nella stanza (naturale ed artificiale). Arredare un ingresso non è semplice come può sembrare, dunque, ma con qualche piccola accortezza è possibile trasformarlo nella zona più bella della casa. Spesso accade che le abitazioni moderne – dagli Anni 90 in poi – non siano affatto munite di un’anticamera che funge da ingresso, quindi, entrando, si accede direttamente al soggiorno. Ma anche in questi casi è indispensabile avere un angolo riservato a un porta ombrelli e un appendiabiti, per evitare di sporcare il soggiorno con indumenti sporchi o bagnati. Perciò, se ci si trova in questa situazione, si può giocare con una piccola parete divisoria che crei un angolo, oppure un paravento artistico che da un lato si trasformi in un originale porta abiti.

mobili ingresso

Appendiabiti Hula by Bontempi Casa: appendiabiti con struttura geometrica asimmetrica in acciaio laccato.

E ora veniamo ai colori dei mobili da ingresso. Che colore scegliamo la madia, il tavolino o la libreria? È da tenere a mente che i colori caldi renderanno l’ambiente molto accogliente, mentre i colori chiari lo faranno sembrare più luminoso. Trovare il giusto equilibrio fra forme e colori non è sempre facile, ma si possono sfruttare alcuni accorgimenti che ci aiuteranno a trovare la soluzione migliore.

Colori forti o colori pastello per i mobili da ingresso?

Sicuramente i colori caldi sono quelli che rendono gli ambienti molto accoglienti, “cozy”, “homey”, ma è altrettanto vero che tendono a essere meno luminosi. Gli ingressi, in genere, sono bui: quindi che fare? Il suggerimento degli interior designer contemporanei è quello di dipingere le pareti dell’ingresso rigorosamente di bianco, non sperimentare altre tinte, come l’albicocca o il color carta da zucchero – belle alternative, invece, per zona notte o soggiorno. Il bianco schiarisce, allarga e illumina, quindi meglio scegliere questo colore-non-colore per l’entrata angusta o senza finestre (una tip da riutilizzare per arredare tutti gli spazi piccoli. I mobili moderni spesso sono componibili quindi si può giocare sulle altezze differenti, sugli spazi a giorno e quelli chiusi, si può scegliere il bicolore – lati chiari e ante colorate. Diversamente, i mobili per ingresso possono essere anche molto minimali, lasciando maggior spazio all’ambiente esaltandone la luce.

Idee per arredare l’ingresso

Internet è una fonte inesauribile di idee, spunti e suggerimenti, anche per l’arredamento. Prima di fare un passo azzardato e scegliere un mobile moderno da ingresso che non si addice alla propria casa, è importante informarsi e farsi un’opinione precisa su quello che si vuole e quello che si cerca. Far realizzare a un designer o architetto un disegno in scala del proprio ingresso è un buon punto di partenza per capire come arredarlo. Quando avete individuato i mobili che vi interessano, disegnate le forme su un cartoncino del colore del mobile che avete scelto e provate a metterlo sulla piantina del vostro ingresso. In questo modo vi potrete fare un’idea del risultato finale. Sul sito di Bontempi Casa potete provare lo speciale Configuratore con il quale è possibile visualizzare il prodotto finito, con materiali e colori desiderati. Per chi ama lo stile minimal-chic, esistono delle soluzioni creative che sdrammatizzano e che richiedono veramente poco spazio come, ad esempio, un portabiti in acciaio a forma di albero.

Appendiabiti Alga by Bontempi Casa: appendiabiti in acciaio laccato, disponibile in vari colori, con ganci orientabili a piacere.

Molte persone, nell’ingresso, utilizzano anche le scarpiere. In effetti, entrare in casa, potersi togliere le scarpe e mettere comodamente le ciabatte, oltre ad essere piacevole, è molto pratico. A questo scopo esistono scarpiere che sono anche comodini, in modo da rendere multitasking un mobile e poterlo usare in modi diversi. Lo specchio, poi, non solo darà l’illusione di profondità, ma rifletterà la luce, perciò è un complemento d’arredo indispensabile per l’ingesso (complice il bisogno di guardarsi nel riflesso prima di correre in ufficio). Approfittare dell’occasione per scegliere uno specchio esteticamente accattivante, molto ampio e con una cornice raffinata.

Specchio King by Bontempi Casa: specchio da terra con fissaggio a parete, struttura in acciaio laccato.

Infine, l’arredamento per ingresso si può completare con mensole da parete e tavolini, su cui appoggiare svuota-tasche, portachiavi, riviste e altri oggetti di uso quotidiano. Per le mensole: scegliere legno, oppure vetro, perché sono materiali solidi ed eleganti, abbinabili al tavolino o altri complementi d’arredo disposti all’entrata, come madie e appendiabiti. Per i tavolini: preferire dei modelli dalla forma accattivante e originale, in modo da attrarre l’attenzione degli ospiti appena entrati. Se nello spazio dedicato all’ingresso è presente una finestra, aggiungere una o più piante verdi è un’idea decorativa che non solo completa l’immagine ricercata dell’ingresso, ma trasmette anche positività e tranquillità a chi varca la soglia.

Mensola Osaka by Bontempi Casa: mensola con fissaggio a muro in cristallo curvato.

Tavolino Tower by Bontempi Casa: tavolino con struttura in acciaio laccato, e piano disponibile in legno impiallacciato o laccato, oppure marmo naturale.

Ultimo, ma non ultimo, il lampadario per l’ingresso va scelto con cura perché l’illuminazione artificiale – soprattutto se nell’ingresso non c’è una finestra – decreterà l’effetto complessivo della stanza. Meglio quindi preferire una lampada a sospensione, possibilmente aperta, in modo tale che la luce riesca a irradiare tutto lo spazio senza rimanere “chiusa” in plafoniere buie. La luce sarà definitivamente determinante per l’arredo dell’ingresso. Et voilà!

Lampada Olimpia by Bontempi Casa: lampada a sospensione con struttura in acciaio laccato.

Organizzare un cocktail party per festeggiare un evento speciale, un anniversario, o semplicemente per riunire amici, colleghi e “perfetti sconosciuti” in un’atmosfera allegra e informale, è sempre una buona idea! Un terrazzo spazioso o una veranda in giardino sono gli spazi ideali per aperitivi all’aperto, con cui godersi ancora un po’ d’estate. Come organizzare un aperitivo perfetto? Le regole del galateo sono poche e semplici: in primo luogo l’orario, tra le 18 e le 20, affinché sia chiaro che non si tratta di una cena, e poi l’allestimento “in piedi”. Regole che valgono anche per cocktail party invernali organizzati al chiuso.

Durante un cocktail party, gli ospiti si aspetteranno di trovarsi a sorseggiare drink e stuzzicare tartine e finger food in piedi: bando quindi alla classica tavola apparecchiata, ma questo non significa che non dobbiate prevedere qualche seduta e tavolini d’appoggio. La sedia Galaxy in versione sgabello alto è perfetta per ricreare l’ambiente dei Café più cool, pur senza spostarsi da casa. Fondamentale da questo punto di vista è la scelta del colore: bianco se avete in mente serate all’insegna del total white, grigio chiaro o antracite per una scelta raffinata, giallo senape, caramello oppure azzurro polvere per creare un ambiente più vivace. Per i tavolini, invece, meglio privilegiare strutture leggere ed essenziali come quelle in acciaio per outdoor dei modelli Contract di Bontempi Casa. Al momento opportuno consentiranno agli ospiti di appoggiare piattini e bicchieri, senza rubare la scena o creare un ingombro eccessivo.

Il requisito importante per un cocktail party ben riuscito è una buona organizzazione degli spazi. Sedute e tavolini andranno quindi posizionati in modo da creare delle piccole zone conversazione e relax, lasciando però libertà di movimento agli ospiti. Poter girare liberamente, socializzando con diversi gruppi di persone, creerà subito l’atmosfera giusta.

Come scegliere il menu per il cocktail party? Protagonisti saranno i drink, ma non dimenticate qualche sfiziosità da mangiare. Se non volete ricorrere a un catering, scegliete tre o quattro cocktail da preparare in caraffe e prevedete anche un’opzione analcolica. Per il menu invece, privilegiate ingredienti di stagione e ricette non troppo elaborate, facili da servire in versione finger food o nei piccoli piattini da aperitivo, appoggiandosi ai tavolini che avrete allestito. Tartine con ingredienti raffinati, torte salate, couscous, spiedini di formaggio e composizioni di frutta fresca sono solo alcuni spunti da cui partire.

Per allestire il vostro buffet, potete distribuire le portate su più tavolini in modo da evitare di creare un unico punto di “attrazione” e favorire il movimento degli ospiti. In più, potete aiutarvi con un carrellino portavivande, un grande classico dell’arredamento casa, elegante e funzionale al tempo stesso. Il carrello bar Chic, facile da spostare grazie alle piccole ruote, sarà il vostro asso nella manica. Con il suo design ispirato agli Anni 20, caratterizzato dalla struttura in ottone e dai ripiani in cristallo, vi farà sentire un po’ come in un cocktail party da Grande Gatsby.

Arredare un giardino piccolo non significa abdicare alla bellezza: è possibile trasformare un ritaglio di prato in un angolo di paradiso, dove vivere momenti indimenticabili. Arredare un giardino grande è difficile? Assolutamente no: puoi ricreare un’atmosfera intima e magica anche in spazi ampi. Ecco tutti i consigli di stile del team Bontempi Casa per arredare il tuo giardino, piccolo o grande che sia. Perché è lo stile che conta!

Arredare il giardino è una sfida divertente, perché si gioca con mobili di diverse dimensioni, complementi d’arredo e decorazioni originali. La prima regola è sfruttare gli spazi verdi, così che quello diventi l’ambiente dedicato al relax. In ultima battuta, potrai aggiungere piccoli dettagli a piacere, come sculture, vasi e molto altro.

Sedie da giardino

La sedia ideale per il giardino è realizzata in acciaio per outdoor, ha una struttura confortevole e avvolgente, ma allo stesso tempo è robusta e solida; è munita di cuscino in tessuto morbido e imbottito, resistente all’acqua e al deterioramento. Proprio come Ines outdoor, una novità Bontempi Casa 2019. La sua trasversalità in termini di colori la rende un passepartout per ogni giardino; è una seduta comoda che permette la libertà di movimento, è elegante ma discreta.

Bontempi Casa

Tavoli da giardino

Tavolo da pranzo per giardino cercasi? La risposta è Sander, il tavolo Bontempi Casa con il piano in cristallo o cristallo antigraffio, e la struttura in acciaio laccato per outdoor. Un tavolo accogliente che ospita tra i 6 e gli 8 posti a sedere. I pranzi all’aperto con gli amici, dopo tutto, richiedono un tavolo grande e resistente, ma perché rinunciare all’eleganza e allo stile?

Bontempi Casa

Tavolini da giardino

All’aperto non può mancare un coffee table che possa servire come piano d’appoggio per drink e snack, libri e riviste o un bel vaso di fiori con qualche candela. Vincent è il tavolino firmato Bontempi Casa pensato ad hoc per spazi esterni: ha una struttura in acciaio laccato per outdoor, e un piano rotondo disponibile in stratificato o alucompact. È un complemento d’arredo versatile e salva spazio, la sua linea elegante si adatta anche ai giardini meno spaziosi.

Bontempi Casa

Pouf da giardino

In giardino non può mancare un pouf, pratico e multitasking. Pattern di Bontempi Casa è il pouf-porta riviste in acciaio per outdoor: il suo design contemporaneo con piccoli fori rotondi lo rende un complemento d’arredo giovane e fresco. Disponibile in diverse varianti colore, in una mossa passa da seduta (personalizzabile anche con cuscini) a porta riviste. Infine, si abbina perfettamente al tavolino Tao, nelle sue diverse altezze. Insomma, per non fare mancare niente al tuo giardino!

La tavola è imbandita di piatti estivi: le ciotole in ceramica piene di pasta fredda, insalate miste con verdure di stagione, Caprese e prosciutto e melone, tramezzini al tonno e salmone, spiedini di frutta e smoothie colorati. Non è stata messa la tovaglia, perché il piano in cristallo trasparente del tavolo ovale è uno sfondo gradevole così com’è per questo aperitivo in veranda. Ad organizzarlo è stata Francesca, che ha pensato di inaugurare l’estate con una festa all’aperto con gli amici di sempre. Ha da poco comprato casa e la veranda è davvero spaziosa: ospita un tavolo da pranzo outdoor, con la struttura in acciaio e un piano in vetro. Sei comode sedie abbinate e di design, ma non solo: ci sono anche dei piccoli tavoli da caffè, sedie colorate in plastica, pouf e un ombrellone per riparare gli ospiti dal sole troppo caldo.

Tavolo Sander, con struttura in acciaio laccato per outdoor, piano in cristallo o in cristallo antigraffio; sedie Freak, con struttura in acciaio per outdoor e cuscini rivestiti e imbottiti con tessuto outdoor. Bontempi Casa.

È una domenica di luglio, calda, ma fortunatamente ventilata. Il giardino è un angolo verde colorato da punti viola e azzurri – le ortensie di Francesca. Gli ospiti arrivano proprio mentre la padrona di casa sta sistemando dei tovaglioli di carta e delle brocche d’acqua sul tavolino bianco alto. “Che meraviglia!” – è la reazione di tutti entrando in veranda. “Manca solo un po’ di musica” – e a questo ci pensa Omar, l’amico chitarrista, che da sempre è incaricato di suonare alle feste in gruppo.

Sedie Ines in metallo outdoor e tavolino Vincent, struttura in acciaio laccato per outdoor con piano in alucompact. Bontempi Casa

“Ti ricordi quando a scuola…?”, “E che ridere quella volta che…”. Il pomeriggio vola, fra ricordi, aneddoti indimenticabili e commoventi, che solo amici di vecchia data possono condividere. “Canzoni stonate, urlate al cielo lassù”, selfie e foto scattate in gruppo, qualche gioco da tavola, e nel mentre c’è chi si è addormentato comodamente sul prato. Giada e Serena non si sono ancora alzate dagli sgabelli con i morbidi cuscini blu, posizionati in fondo alla veranda: i discorsi privati tra ragazze, si sa, richiedono il loro tempo.

Sgabello con struttura in acciaio per outdoor e cuscino imbottito e rivestito in tessuto outdoor. Bontempi Casa

Cala la sera, e Francesca può orgogliosamente accendere la fila di lucine che ha montato con l’aiuto di Paolo lungo il perimetro della veranda. La magia di uno spazio all’aperto che può diventare subito più intimo. Il gruppo di amici, inebriato dal profumo delle ortensie e dal vino rosé tenuto in fresco, continua la festa fino a tardi. Qualcuno si perde in letture estive, seduto sui pouf, altri si radunano intorno al coffetable, dov’è stato appoggiato uno stereo portatile. Mentre le lucine illuminano la veranda, uno spazio elegante, arricchito da complementi d’arredo outdoor impeccabili. Anche se la vera protagonista di questa storia è l’amicizia, vissuta in tutta la sua spensieratezza e al ritmo dell’estate.

Pouf e portariviste Pattern, in acciaio per outdoor. Bontempi Casa.

Giardino, patio, tettoia, terrazza, cortile – ogni spazio aperto può facilmente trasformarsi in un vero e proprio salotto da esterno. Bastano alcuni accorgimenti nella scelta dei pezzi d’arredo: ne servono pochi, ma buoni, dalle caratteristiche multitasking per ottimizzare lo spazio ed essere funzionali; attenzione poi ai materiali, rigorosamente outdoor.

Come arredare il soggiorno esterno

Qualunque sia lo stile della tua casa i mobili o le decorazioni potranno rispecchiare questo stesso stile. Se il salotto privilegia tavoli dalle forme tondeggianti e colori caldi, la regola numero 1 è riportare queste stesse caratteristiche nella scelta dell’arredamento outdoor per il salotto da esterno.

Per arredare un salotto esterno, sia esso un piccolo o grande giardino, una terrazza o un patio coperto da una tettoia in legno, bastano pochi semplici pezzi dalla duplice funzione. Un tavolino da caffè, pratico e poco ingombrante, che possa diventare anche un comodo sgabello – come Tao, realizzato in apposito acciaio laccato per outdoor. Oppure Pattern, che si trasforma anche in un originale portariviste.

salotto esterno

Va considerato che con l’estate aumenta il tempo libero a disposizione, e pertanto c’è più possibilità di giocare con gli arredi e le decorazioni. Posizionare sul coffee table un cocktail da bere in tutto relax, una pianta, un vaso di fiori, possono essere piccoli dettagli che fanno la differenza nello stile; così come una selezione di magazine di home décor, moda e attualità, divise in modo pratico nell’apposito portariviste.

Ma soprattutto, un soggiorno esterno richiede sedie, tante sedie, impilabili una sopra l’altra per salvare spazio quando il patio o il giardino non sono in uso. Galaxy è realizzata in plastica e fibra di vetro riciclabile, è resistente all’acqua (sì, è possibile posizionarla anche dentro la piscina), e si impila facilmente con un gioco di incastri. Il suo design accattivante e geometrico si sposa con il clima giocoso dell’estate. È disponibile nelle varianti colori azzurro polvere, giallo senape, caramello, bianco latte, grigio chiaro e antracite.

soggiorno da esterno

Da poco Bontempi Casa ha lanciato anche la versione Galaxy sgabello, per chi a casa ha un bancone bar dove preparare i cocktail per i propri amici.

soggiorno esterno

Se il living room esterno ha uno stile più minimale e meno colorato, Ines outdoor lo correda con discrezione. Ines è infatti una sedia realizzata in acciaio laccato per esterni, personalizzabile con morbidi cuscini in tessuto. Disponibile nella palette colori più tradizionale: sabbia, ottone scuro, antracite e grigio.

arredamento outdoor

Non può infine mancare un divanetto da esterno o poltroncina da esterno, per assicurare agli ospiti vero e proprio relax. Boss è il pouf-poltroncina di Bontempi Casa pensato per arredare con gusto gli ambienti outdoor e garantire comfort nella seduta. Personalizzabile con morbidi cuscini in tessuto color vaniglia, sabbia, castagna, grigio melange, antracite, azzurro polvere e blu navy.

 

soggiorno outdoor

Quando si parla di arredare un ambiente domestico, ci si concentra principalmente sull’organizzazione degli spazi, la disposizione dei mobili e la tipologia di luci più appropriata. C’è anche una forte attenzione in prima battuta verso complementi d’arredo, tessili e tendaggi, ma spesso ci si dimentica dell’elemento strutturale più importante di ogni spazio abitativo: le pareti e i quadri per soggiorno moderno. I muri della casa non sono solo le colonne portanti della casa stessa, ma anche il campo visivo più grande che colpisce l’occhio. Ecco perché valorizzare questi “buchi bianchi” è fondamentale. Come? Mensole con libri e vasi di fiori, ma soprattutto quadri.

Quadri per soggiorno moderno: come sceglierli

Quadri per soggiorno moderno

Tavolo Podium, fisso o allungabile con base in cemento. Piano in legno massello, massellato, impiallacciato, cristallo o cristallo antigraffio, cemento e SuperMarmo. Sedie Suri con braccioli, struttura girevole e con ruote, in acciaio laccato, schienale in tessuto elastico a rete lavorato e seduta in tessuto elastico a rete uniforme o pelle ecologica – by Bontempi Casa 

L’errore da non commettere è pensare che basti appendere un qualsiasi quadro per riempire uno spazio vuoto. La scelta dei quadri per soggiorno moderno e per le altre stanze della casa va ponderata con calma, seguendo uno stile preciso che unisce la palette colori dell’arredamento e il gusto personale dei suoi abitanti. Non abbiate fretta, e prendetevi tutto il tempo che vi serve per riflettere su quali ornamenti appendere.

La scelta dei quadri per il salotto dipende anzitutto dal tipo di effetto che si vuole ottenere. Stampe, disegni oppure opere d’arte da collezione, in stile antico o moderno, i quadri dovranno avere un valore estetico ma anche molto personale. Il primo passo per sceglierli è capire che anche queste decorazioni per le pareti sono parte integrante dell’arredamento, tanto quanto tavoli, sedie, lampade e comodini. In quanto tali, devono conferire carattere all’ambiente in cui vengono esposti, relazionandosi con tutti gli elementi presenti.

Vogliamo che i quadri del living room attirino l’attenzione o facciano da piacevole sfondo? Preferiamo un quadro unico di grandi dimensioni o una composizione di quadri più piccoli? Nel primo caso, meglio centrarlo simmetricamente oppure no? Nel secondo caso, come disporli? In un soggiorno moderno non è inusuale optare per un grande quadro al centro del muro principale. L’intento è quello di veicolare lo sguardo dell’osservatore e ravvivare lo stile contemporaneo dell’arredamento, solitamente total white ed essenziale, con toni accesi e forme geometriche importanti. Se invece la parete non è abbastanza grande da rimanere armonica con un dipinto al centro, la scelta di un numero pari di piccole cornici allargherà il campo visivo e renderà l’ambiente più ampio e luminoso.

 

Come scegliere i quadri giusti per i diversi ambienti della casa

Quadri per soggiorno

Madia Pica con struttura in legno a tre ante, ripiani interni in cristallo trasparente, vano a giorno centrale sx in legno laccato, fianchi e ante in legno impiallacciato, top a scelta. Telaio con piedini in acciaio laccato. Pouf Puffoso con struttura in acciaio laccato, imbottito e rivestito in Pelle ecologica, Tessuto Mambo, Tessuto Lulù, Waterproof Nabuk, Waterproof Nabuk stampato, Pure Virgin Wool, Velluto, Tessuto Decò, Tessuto Kvadrat Field, Tessuto Kvadrat Coda e Pelle Premium – by Bontempi Casa

 

Una volta stabilito l’effetto che si desidera ottenere, ci si può concentrare sul soggetto più appropriato, i colori e la cornice. Tutto varia a seconda delle dimensioni del quadro e all’ambiente circostante. I soggiorni moderni si sposano con stampe e fotografie contemporanee. Attenzione alla cornice: mai scegliere cornici troppo importanti, perché distoglierebbero lo sguardo dal soggetto del dipinto o immagine. Va bene giocare con cornici vintage molto decorative, se la stampa è un antico disegno fatto a mano.

 

Stampe moderne d’ispirazione post-surrealista sono adatte al soggiorno, all’ingresso e ai corridoi, su e giù per le scale; mentre disegni, caricature e miniature – come quelle botaniche – sono perfette per la cucina. I paesaggi, dipinti o fotografati, rilassano l’atmosfera della zona notte. I wall-stickers sono invece un’ottima alternativa ai quadri per il bagno: si attaccano alle piastrelle, e possono essere tolti all’occorrenza con una spugna imbevuta di acqua calda. Flora e fauna sono tra i soggetti preferiti, ma sul mercato oggi c’è una varietà di proposte che permettono di personalizzare gli ambienti più diversi.

 

Stampe, arazzi, pannelli decorativi con effetto 3D, ma anche gli specchi possono diventare dei veri e propri quadri, specialmente quando hanno un dettaglio strutturale scultoreo, come un taglio a diamante o una peculiare decorazione. Piccoli specchi tondi, molto semplici, possono essere posizionati in modo simmetrico (o asimmetrico) lungo una parete estesa per dilatare lo spazio e fungere da decorazione discreta.

 

Decorare la casa con quadri, stampe o specchi è un modo divertente e creativo per rendere ogni ambiente più personale e accogliente. Le regole da seguire sono poche, la cosa più importante è seguire il proprio istinto per raccontare una personale visione del mondo. Gli ospiti rimarranno piacevolmente colpiti dal gusto espresso tramite i quadri che, proprio come madie, librerie e lampade, completano l’arredamento.

quadri per soggiorno moderno

Specchio Diamante, dettaglio, by Bontempi Casa

 

 

Era tutto pronto. La tote bag, la borraccia etica in alluminio, uno snack e un paio di libri da leggere nel tragitto in metropolitana. Milano, una giornata di primavera appena cominciata. Iniziava il Salone del Mobile, e io mi sentivo felice. I miei amici lo sanno, quando si tratta di design, sono sempre fra i primi ad arrivare. Quella mattina le strade del centro erano più affollate che mai: dopotutto, la settimana del design porta sempre molta vitalità, fra la fiera e tutti gli eventi del Fuorisalone.

Una volta passati i controlli all’ingresso, mi lascio travolgere dall’immensità dello spazio bianco ed eclettico di Rho Fiera. Cammino sul tappeto rosso che indica il percorso, e tutto intorno a me sembra immensamente grande.

Credit: Salone del Mobile

Visito i primi padiglioni con forte curiosità e interesse. Lampade, tavoli, sedie e poltrone, madie, librerie e altri complementi d’arredo realizzati con i materiali più disparati. Faccio un viaggio creativo fra i prodotti più curiosi, parlo con alcuni designer, scatto foto e raccolgo cataloghi da sfogliare con calma durante il mio break. Bevo un caffè al bar fuori all’aperto, in un momento in cui alla radio passa una canzone che mi strappa un sorriso. Il barista balla a ritmo mentre prepara una spremuta. La gente intorno a me sembra godersi questa giornata di sole e design. Il Salone riesce sempre a darmi un’energia unica.

Arrivo al padiglione 8, salgo la scala mobile e mi trovo a uno stand che non ricordo di aver visitato prima. Bontempi Casa. Conosco il brand, ma non mi era mai capitato di fermarmi a un loro stand in fiera. L’immagine da fuori mi colpisce subito: gli archi sono grandi, hanno un ampio respiro, e mi ricordano le tipiche strutture abitative del Neoclassicismo nel periodo post-romano. I colori neutri delle pareti mi colpiscono per la loro eleganza e semplicità: rosa cipria e grigio tortora, una combinazione che ho sempre amato nel design sofisticato. Chic, ma allo stesso tempo accogliente.

Lo stand Bontempi Casa, Hall 8, stand A25 B24

Entro nello stand e mi sento subito a casa. Ci sono piante verdi appoggiate sugli scaffali della libreria – sembra un giardino, lampadari dalla luce calda, sedie e poltrone in pelle morbidissima velluto, tavolini con libri aperti, una reception con ragazze sorridenti in divisa. Si percepisce subito lo stile elegante ma fresco dell’azienda. C’è molta gente, clienti, addetti al settore, curiosi, appassionati di design come me. Sfioro con la mano il velluto blu petrolio di una poltroncina e riconosco l’alta qualità del materiale. Accanto a me, dei giornalisti stanno facendo delle video interviste ad alcuni designer. Qualche passo più avanti, la mia attenzione viene catturata da un gruppo di persone incuriosite intorno a un tavolo. C’è un artista che dipinge. Mi spiegano che si tratta di un evento ad hoc, durante il quale l’illustratore professionista colora con acquerelli dei disegni fatti da lui che raffigurano i nuovi prodotti Bontempi Casa. Che bell’idea, tornare all’artigianalità in piccoli gesti come disegnare e colorare un prodotto di design è proprio quello di cui, secondo me, c’è bisogno oggi. Scelgo il disegno di un raffinato scrittoio con uno specchio rotondo, che vedo dal vivo nella stanza successiva.

Scrittoio Vanity, struttura in acciaio laccato, piano in Supermarmo, cassetto in legno. Con specchio e luce integrati

La libreria modulare in acciaio che percorre il corridoio è il mio pezzo preferito. Un disegno perfettamente lineare, armonico, riproducibile all’infinito. I ripiani e divisori sono diversi: in legno e cristallo, si alternano e creano una composizione artistica notevole, a cui si aggiunge la freschezza contemporanea delle piante verdi poste sopra e tutt’intorno. Mi sento d’improvviso trasportato nel patio di una grande casa familiare.

I dettagli dei tavoli esposti sono davvero singolari: uno di questi ha un peculiare taglio a diamante nella struttura delle gambe che s’intersecano con un piano in cristallo antigraffio. Un altro tavolo in legno massello – in noce naturale – è coperto di scampi di tessuti e cartelle colore che mi ipnotizzano per la loro vivacità.

Tavolo Millennium XXL in legno massello noce secolare con struttura in acciaio laccato

Un grazioso carrello portavivande in cristallo mi ricorda per un momento i pezzi da collezione delle maison di antiquariato: il twist vintage dà sempre qualcosa di emozionale agli oggetti di design. E quando si combina allo stile moderno, è decisamente il meglio.

Carrello Chic, struttura in acciaio laccato, piani in cristallo

Piccole lampade in vetro lavorato sono appese al soffitto e pendono come eleganti decorazioni. Ci sono molti specchi, tondi e ovali, che illuminano e regalano ancora più spazio allo stand. Una comoda poltrona affiancata a un tavolino sembra guardarmi e dirmi “accomodati, qui solo relax”. I visitatori mi sembrano soddisfatti, accolti e guidati all’interno del mondo Bontempi Casa dagli agenti e dalle hostess. Tutto mi piace di questo stand. Sento delle buone vibes. Prendo un catalogo e continuo il mio giro.

Madia Pica, tavolino Kito e specchio Tondo

Cibo a Regola d’Arte, la manifestazione del Corriere della Sera dedicata alla cultura dell’alimentazione, nel 2019 diventa un vero e proprio Festival con un palinsesto ricchissimo di talk, incontri, degustazioni, corsi di cucina e laboratori per i più piccoli. Dal 16 al 19 maggio, negli spazi della Fabbrica del Vapore di via Procaccini 4 a Milano, sono davvero tanti i volti noti che si alterneranno sul palco, tra chef, artisti ed esperti nel campo scientifico e della comunicazione.

Bontempi Casa è Design Partner del Festival: avranno quindi la firma del brand di Ancona gli arredi di diverse aree tematiche. A partire dal palco dedicato alle Masterclass, dove chef stellati, maestri di cucina ed esperti si affiancano a grandi ospiti e giornalisti in performance che fondono più linguaggi: giornalismo, spettacolo e cucina. Qui saranno utilizzati il tavolo Millennium, con struttura in acciaio laccato e piano in legno di rovere, e le sedie Mood, in legno di rovere e scocca in tessuto nelle varianti con e senza braccioli.

La Piazza delle Attivazioni, con il suo ricco palinsesto di attività, degustazioni e talk, vedrà i suoi ospiti impegnati a raccontare prodotti ed esperienze, storie e aziende, accomodandosi su sedie Margot con struttura in legno massello di noce e scocca in pelle grigio chiaro, accostate a tavolini in acciaio laccato Kito, e sgabelli Galaxy nei colori giallo senape e antracite.

Tra le novità di questa edizione di Cibo a Regola d’Arte, il Laboratorio di Idee sarà uno spazio pomeridiano dove grandi esperti e rivoluzionari potranno raccontare, ciascuno in 15 minuti, i progetti che stanno costruendo il futuro del cibo. L’allestimento sarà composto da pouf imbottiti Uchi e sgabelli Galaxy nei colori caramello, azzurro polvere, grigio chiaro e bianco.

Invitiamo i nostri clienti e tutti gli amanti dell’interior design a partecipare al Festival e scoprire ancora una volta la qualità e il gusto degli arredi Bontempi Casa!

Nel mondo dell’arredamento molto spesso accade che la parola “moderno” ci faccia pensare ad un arredamento “freddo- impersonale. Ma non c’è niente di più lontano dalla verità: i soggiorni moderni possono essere molto caldi ed accoglienti, identificativi di un carattere estremamente espressivo.

Come arredare soggiorno moderno

Arredare un livingroom contemporaneo con uno stile fresco e up-to-date con le tendenze arredo del momento è molto semplice, se si seguono alcune regole fondamentali. Le forme geometriche degli arredi scelti devono anzitutto essere in armonia tra loro, bisogna mantenere un criterio di forme per tutti gli ambienti della casa.

I colori possono fare la differenza, e non solo nelle pareti, anche per l’arredamento. Infatti, la scelta del colore resta fondamentale. Se avete optato per uno stile industriale i colori che vanno per la maggiore sono il grigio, il nero o il marrone scuro. Stile contemporaneo? Allora via libera a mobili bianchi. La parola d’ordine è l’originalità? In questo caso non c’è limite e potete persino combinare i vari colori; librerie rosse e sedie bianche o viceversa.

Come arredare un soggiorno moderno caldo e accogliente

Come si può non apprezzare un soggiorno arredato con comode poltrone, una palette colori che evoca sensazioni positive e un punto focale preciso su cui veicolare l’attenzione? Un soggiorno moderno arredato con cura e attenzione può essere al contempo fresco e minimal, ma anche accogliente e “homey”. Il segreto sta nei dettagli: le cuciture dell’imbottitura delle sedie, la posizione dello specchio sulla parete più ampia, un tavolino da caffè al centro della stanza, sotto al quale disporre un tappeto fatto a mano.

soggiorno moderno

Tavolo Versus con struttura legno massello olmo e piano in cristallo velvet antigraffio antracite opaco – Sedia Margot con struttura in legno massello olmo, scocca imbottita e rivestita in tessuto Waterproof nabuk antracite – Madia Amsterdam in legno finitura olmo.

Come arredare un soggiorno moderno con camino

Il camino è sempre il punto focale principale di una stanza, perciò perché non creare un’intera parete ad hoc per esaltarlo? Una mensola in vetro abbellita da vasi di fiori, libri e riviste, o ancora una libreria di design, una lampada da terra.

Nota: in un salotto moderno – specialmente se è presente un grande camino – la parete principale non deve mai avere colori neon e troppo forti, piuttosto acquisisce charme con qualche quadro o poster, dei pannelli metallici o con texture singolari o ancora oggetti da collezione, come mappamondi, candelabri e vasi in ceramica, che riempiano lo spazio visuale.

Come arredare un soggiorno
Tavolo Artistico con struttura in acciaio laccato sabbia e piano in legno massello scortecciato noce –  sedia Tai con struttura in acciaio laccato sabbia imbottita e rivestita in pelle Premium sabbia.

Come arredare un soggiorno moderno colorato

Per dare un twist allegro a un salotto troppo neutro, bastano pochi complementi d’arredo colorati, come un pouf arancione o giallo, un coffee table XXX. Chiunque pensi che dire salotto moderno significhi solo bianco e nero, noia e mancanza di personalità… Si dovrà ricredere!

soggiorni moderni

Pouf Puffoso, struttura in acciaio laccato nero profondo lucido e rivestimento in velluto giallo senape

Come arredare soggiorno moderno piccolo

Ogni soggiorno necessita di qualcosa di speciale, specialmente se l’ambiente è piccolo. Il complemento d’arredo ideale per un salotto di piccole dimensioni è un tavolo allungabile rotondo. Sì, perché la forma circolare ammorbidisce lo spazio, anziché renderlo più spigoloso con forme rettangolari o quadrate, e la struttura allungabile permette di adattare un’occasione come una cena tra amici anche allo spazio più ristretto. Meglio accostare sedie poco ingombranti, meglio se impilabili, dalle linee di design pulite e libere da fronzoli, e se non c’è spazio per una vera e propria libreria, si possono sfruttare quei piccoli tavolini o pouf che diventano contenitori e porta riviste. La casa piccola che diventa multitasking, con tutti i suoi complementi passepartout.

 

Tavolo Giro Rotondo allungabile, con meccanismo di apertura telescopico sincronizzato, struttura in acciaio laccato antracite, piano in cristallo velvet antigraffio grigio opaco – Sedia Dalila in cuoio bianco.

Come arredare un soggiorno moderno grande

Quando si parla di “armonia” nell’arredamento s’intende una comunicazione fra i vari complementi d’arredo che, per similitudine d’immagine, sembrano “parlarsi” e “capirsi”. Un soggiorno grande va arredato con lo scopo di esaltare gli spazi, veicolando però l’attenzione su un punto focale preciso, per non rischiare che lo sguardo si “perda”. Se nella stanza sono presenti ampie finestre, è possibile sfruttare lo spazio circostante disponendo un ampio divano ad L proprio davanti, oppure un tavolo con una struttura caratteristica, o una poltrona grande confortevole, o ancora un tavolino da caffè colorato. Gli americani lo chiamano “statement piece” – il pezzo più importante che fa da punto focale dell’intera stanza. Il punto focale di una stanza corrisponde a quel punto preciso nello spazio in cui un angolo delle pareti incontra un oggetto consistente che cattura l’attenzione di chi guarda. Quest’operazione è molto più semplice da attuare negli spazi grandi.

Poltrona Clarissa, sfoderabile con struttura in acciaio cromato, seduta e schienale imbottiti e rivestiti in pelle Premium bianca.